Thursday, 21 November 2019 - 16:32
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Conflitto d’interesse e metodi di affidamento degli incarichi. La denuncia dei Comitati civici: il Comune di Belluno affida il Piano di valutazione strategica agli stessi professionisti che hanno effettuato per Terna lo studio di incidenza ambientale

Feb 25th, 2016 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore
Simulazione dell'elettrodotto

Simulazione dell’elettrodotto

Curiose coincidenze sul progetto Terna nel Bellunese. Dopo le concessioni edilizie per ampliamenti di stazioni elettriche rilasciate prima dell’autorizzazione al progetto, i commissari della VIA nazionale che invece di valutare le criticità dettano le soluzioni. Dopo la bocciatura in consiglio comunale di Belluno dell’addendum C, con progetto ripresentato qualche mese dopo e imposto con l’accorciamento di due o tre tralicci, nonostante la posizione contraria della Regione Veneto alla “razionalizzazione”, che sembra non avere nessun valore, e nonostante il parere della VIA regionale, un tempo dato per determinante ma adesso che dovrebbe essere a favore dei territori non serve a nulla.

“Ebbene, dopo tutto questo –  fanno sapere i Comitati civici della Valbelluna –  negli ultimi giorni si è toccato l’inverosimile. Abbiamo scoperto che il Comune di Belluno ha affidato l’incarico diretto (ai sensi del D.Lgs. 163/2006 e art. 5 del Regolamento comunale previsto per importi sotto i 40.000 euro) a dei professionisti esterni per costruire il piano strategico VAS (Valutazione ambientale strategica) e per le analisi ambientali necessarie per predisporre il nuovo PAT”.

“Il paradosso  – sottolineano i Comitati civici – è che a vincere l’incarico per elaborare il Piano strategico di valutazione ambientale VAS al Comune di Belluno, è la stessa ditta che ha fatto lo studio di incidenza ambientale per il progetto Terna nel Bellunese. E dunque, a redigere e valutare le future infrastrutture e definire i corridoi energetici saranno sempre i medesimi professionisti, una volta per conto di Terna e l’altra per conto del Comune di Belluno”.

Perplessità che inducono i Comitati civici della Valbelluna a chiedersi con quale metodo siano stati selezionati i professionisti a cui affidare gli incarichi del Pat di Belluno e come mai nessuno abbia notato il conflitto di interessi.

Share

Comments are closed.