Friday, 22 November 2019 - 00:02
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Province. Forcolin a Bressa: “Bella riforma, la legge Delrio addossa i costi su altri enti”

Feb 24th, 2016 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore
Gianluca Forcolin

Gianluca Forcolin

“Le parole del sottosegretario Bressa sono a dir poco fuorvianti e rasentano una presa in giro nei confronti dei cittadini che, dando affidamento a tali dichiarazioni, possono immaginare che da questa assurda riforma ci siano dei risparmi.”. E’ il vicepresidente della Regione del Veneto Gianluca Forcolin a replicare a quanto affermato dal sottosegretario di Stato per gli Affari regionale e le Autonomie Gianclaudio Bressa, secondo il quale la riforma ha prodotto una riduzione della spesa per 1,5 miliardi portando il personale da 41.205 unità a 21.974. Parole dette nel corso dell’audizione sulla presso la Commissione parlamentare per l’attuazione del federalismo fiscale.

“La legge Delrio – replica Forcolin – prevedeva che alle funzioni fondamentali ci doveva pensare lo Stato che, non a caso, ha imposto che il personale provinciale chiamato ad occuparsi di tali funzioni fondamentali venisse ridotto del 50 %. Ecco spiegato perché lo Stato ha risparmiato, ma il vero dato è che l’altro 50% non è sparito ma è stato messo sulle spalle delle Regioni che si sono quindi sobbarcate il “risparmio” dello Stato per caricarlo con maggiori costi sulle spalle dei cittadini!”.

“La Regione del Veneto, con questo meccanismo furbesco – conclude – si è vista aumentare i propri dipendenti di oltre 400 unità provenienti dalle Province sobbarcandosi costi per 40 milioni di euro sia per il 2016 che per il 2017. Tanto per capirci è come se in una famiglia la signora Maria per far vedere che ha risparmiato di metà i costi per fare la spesa a fine mese, mandasse il marito a comprare l’altra metà. Vero che lei ha risparmiato ma è vero che il marito ora spende di più. La vera riforma passa dai tagli ai burosauri romani che non hanno ancora tagliato né palazzi n* privilegi e continuano a far pagare ad altri i loro slogan”.

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Pagliacci piddini!