Thursday, 21 November 2019 - 08:49
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Prende corpo la cittadella della sicurezza a Belluno. In dirittura d’arrivo il progetto dell’Agenzia del Demanio per la riqualificazione della caserma Fantuzzi

Feb 19th, 2016 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

fantuzziPrende corpo il progetto di cittadella della sicurezza che l’Agenzia del Demanio intende realizzare riqualificando l’ex caserma Fantuzzi di Belluno. Il deputato bellunese del Pd, Roger De Menech, che segue il progetto da oltre un anno e mezzo, mercoledì ha incontrato a Roma il direttore generale del Demanio, Roberto Reggi «che ringrazio per la consueta disponibilità e l’operatività».

«Siamo a un punto di svolta», spiega De Menech, «perché sulla Fantuzzi oggi ci sono le risorse per la progettazione. L’iniziativa è inoltre appoggiata dal governo e diventerà un’operazione pilota per tutto il Veneto».

Roger De Menech, deputato Pd

Roger De Menech, deputato Pd

I benefici che ci si aspetta dalla realizzazione della cittadella della sicurezza sono numerosi e riguardano tutti i soggetti coinvolti: saranno recuperati degli edifici il cui patrimonio storico è molto importante per Belluno; saranno riunite in un unico luogo la maggior parte delle forze dell’ordine, con risparmi consistenti sugli affitti, con una gestione più efficace grazie alla possibilità di attivare il centralino unico e di un’unica centrale operativa, con maggiore efficienza dovuta all’unificazione delle catene logistiche, di manutenzione dei mezzi e della mensa; tutti i servizi e gli uffici coinvolti, rimarranno in centro città con ripercussioni benefiche sul commercio e sui servizi che, nell’insieme, Belluno riesce a offrire.

«La prossima settimana», ricorda il deputato, «il direttore Reggi sarà a Belluno per presentare il progetto. Sono certo che si tratti di un’iniziativa utile, la prima di questo genere nel Veneto e che, nelle intenzioni del governo, se va a buon fine potrà essere replicata altrove».

Quasi due anni fa il deputato De Menech con un’interrogazione alla Camera aveva stimolato il governo ad affrontare il nodo dell’ex caserma Fantuzzi di Belluno che allora era progettata con una ristrutturazione parziale e ad uso esclusivo della Questura. Oggi invece il progetto sarà molto più articolato e riguarda tutto il complesso degli edifici.

«Anche questo progetto dimostra come anche nella nostra provincia si possano avviare progetti importanti e conseguenti finanziamenti per riqualificare dal punto di vista urbanistico le nostre comunità».

Share

4 comments
Leave a comment »

  1. Speriamo sia l’inizio di un nuovo metodo di progettare le cose che servono all’utenza pubblica soratutto in rispetto e valorizzazione di un territorio che vanta primati in campo naturale, paesaggistico sociale, umano e storico. E sopratutto sia l’inizio di uno sforzo comune di tutte le rappresentanze politiche che comunque rappresentano sempre la nostra provincia:

  2. Speriamo sia l’inizio di un nuovo metodo di progettare le cose che servono all’utenza pubblica soratutto in rispetto e valorizzazione di un territorio che vanta primati in campo naturale, paesaggistico sociale, umano e storico. E sopratutto sia l’inizio di uno sforzo comune di tutte le rappresentanze politiche che comunque rappresentano sempre la nostra provincia.

    (dal commento che esce finito il mio scritto sembra che la mia opinione non sia più gradita, cercherò di non disturbare più. Grazie per l’attenzione fin qui ottenuta. Ric)

  3. @Riccardo. Non capisco.

  4. Ci sono, effettivamente, alcune situazioni logistiche sia alla Polizia che alla Finanza, passando per la Locale, che troverebbero giusta soluzione dopo vari decenni di imbarazzanti silenzi. Ora sapere che questo progetto sarà un “Progetto Pilota” per il Veneto (e forse anche per l’Italia) dovrebbe confortare parecchi animi. Bene, coraggio ! La strada è quella giusta ma non facciamo passare i decenni, vero ?