Friday, 22 November 2019 - 00:08
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Emendamento Finozzi. Zanoni: “Hanno tolto 500mila euro dalla formazione professionale e lavoro per darli alla lobby della caccia”

Feb 16th, 2016 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore
Andrea Zanoni, consigliere regionale Pd

Andrea Zanoni, consigliere regionale Pd

Era la mezzanotte passata, a cavallo tra sabato 13 e domenica 14 scorsi, quando il Consiglio regionale del Veneto, riunito in aula per votare il Bilancio 2016, ha messo in votazione il maxi emendamento della Giunta approvato a maggioranza.

Dopo il maxi emendamento, che doveva essere l’ultimo emendamento in votazione prima della votazione finale del bilancio, sui tavoli dei consiglieri è arrivato un singolo foglietto relativo all’emendamento B0156 a firma del relatore di maggioranza del bilancio Finozzi, che prevedeva di finanziare la legge regionale sulla caccia, la numero 50/1993 con ben 500.000 euro, andando a toglierli alla legge regionale sulla formazione professionale e sul lavoro, la numero 10/1999.

L’emendamento è passato con i voti favorevoli di tutta la maggioranza: Lega Nord, Lista Zaia, Forza Italia, Indipendenza Veneto e Fratelli d’Italia e con quelli contrari di PD, AMP, M5S e dalle altre forze di opposizione.

Si tratta di un emendamento voluto dal consigliere Berlato di Fratelli d’Italia – Movimento per la cultura rurale, che di euro per la caccia con i suoi emendamenti ne voleva ben 2 milioni.

“Questo è un regalo alla lobby della caccia e delle armi – commenta Andrea Zanoni consigliere regionale e Vice presidente della Commissione ambiente – togliere mezzo milione alla formazione professionale vuol dire rinunciare a due tre corsi per un triennio, corsi ai quali i nostri ragazzi si sono già iscritti. Tutto ciò per accontentare chi in consiglio regionale si occupa solo di caccia come accade da sette mesi a questa parte in terza commissione consigliare dove anche mercoledì prossimo si parlerà ancora di capanni da caccia.”

“Questa maggioranza non sa guardare al futuro e non vuole tutelare i nostri cittadini – continua Zanoni – perché oltre a promuovere la caccia a discapito del lavoro per i nostri giovani, boccia iniziative che ho proposto con singoli emendamenti, utili a bloccare l’inquinamento delle falde acquifere, a ricercare i contaminanti (PFAS) nella catena alimentare, a incentivare la viticultura biologica che riduce i pesticidi nei nostri paesi, a incentivare la piantumazione di alberi, alla lotta al bracconaggio e al randagismo, ad arginare gli effetti negativi dei pesticidi e delle emissioni dei cementifici sulla salute; a risarcire i proprietari dei terreni per le servitù venatorie.”

“Mi auguro – conclude Zanoni – che questa maggioranza, e qui mi rivolgo direttamente al Presidente Zaia –  voglia restituire il “maltolto” rimediando subito a questo affronto che danneggia soprattutto i nostri giovani.”

 

QUI IL TESTO DELL’EMENDAMENTO:http://www.andreazanoni.it/it/news/bilancio-regione-veneto-zanoni–tolti-500000-euro-ai-nostri-ragazzi-in-cerca-di-lavoro-per-destinarli-alla-caccia-zaia-restituisca-il-maltolto.html

Share

4 comments
Leave a comment »

  1. Non ci si può meravigliare più di tanto. Infatti, dalla lobby dei cacciatori arrivano i voti, invece dalla formazione professionale no! Gli studenti votano più tardi, a 18 anni e fanno in tempo a dimenticarsi di queste gravi sottrazioni. Inoltre, il politico non pensa al bene comune, ma a quello personale che, in questo e molti altri casi, è il mantenimento della sedia. Altrimenti dovrebbe andare a lavorare.

  2. Beh i giovani non voteranno subito ma ogni giovane ha, in teoria, due genitori, che votano e se la maggioranza di questi genitori ha votato già questo governo regionale. Votato e rivotato vuol dire che a loro sta bene anche questo purtroppo. Chi è cagion ……ecc.

  3. Lobby dei cacciatori?
    Mah.
    Credo che i cacciatori siano troppo pochi per essere una lobby

  4. Se si pensa che la Klotz prende 946000 euro di pensione, cosa cazzo emendate? Ogni giorno devo sentire cagate su questo o su quello (soltanto beghe politiche) e continuate comunque imperterriti a non fare assolutamente nulla.