13.9 C
Belluno
giovedì, Luglio 9, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti L'ultima notte di Ettore Castiglioni

L’ultima notte di Ettore Castiglioni

La Val di Fassa ed il Rifugio Castiglioni prossime location delle riprese del docufilm “Oltre il Confine. La storia di Ettore Castiglioni”. Va in scena l’ultima notte del grande alpinista: la fuga verso la libertà.
rifugio marmoladaDal 9 all’11 febbraio la Val di Fassa si tramuta nella Svizzera del 44’ e diviene location del film documentario dedicato a Ettore Castiglioni; la cui vicenda alpinistica e umana racchiude più di un interrogativo. Entrato illegalmente in Svizzera con un passaporto falso, è arrestato, spogliato dei vestiti, e rinchiuso in una camera d’albergo. Durante la notte si cala dalla finestra con una corda di lenzuola e si getta in una corsa sulla neve senza scarpe. Il corpo assiderato sarà ritrovato tre mesi dopo al Passo del Forno in territorio italiano. Cosa lo ha spinto oltre il confine? Quale missione doveva compiere? Il film cerca di dare qualche risposta e si pone come un viaggio tra passato e presente, dando voce alle parole del protagonista attraverso il diario, e accompagnando la ricerca di Marco Albino Ferrari (Direttore di Meridiani Montagne e curatore dell’edizione critica dei Diario di Castiglioni) nei luoghi che hanno visto le imprese dell’alpinista fino all’ultima drammatica notte.
Proprio il rifugio in Val di Fassa, situato ai piedi della Marmolada, e dedicato a Castiglioni, offre l’opportunità di mettere in scena le sue ultime ore di vita in un ambiente che ancora conserva l’arredo d’epoca. La produzione ha previsto altre due scene in esterni: nei boschi intorno a Pian Trevisan e a Passo Valles.
La produzione si sposterà poi a Milano e in Svizzera.
Ad interpretare Castiglioni, è Stefano Scandaletti, attore padovano e apprezzato interprete di teatro, televisione e di cinema (Daniele Lucchetti, Mario Monicelli, Marco Tullio Giordana, sono alcuni dei registi con i quali ha lavorato).
La regia è di Andrea Azzetti e Federico Massa.

Produzione e partner
Il film documentario è prodotto da  GiUMa Produzioni di Trento, Gooliver Associazione culturale e Imago Film Lugano in coproduzione con RSI (Radio Televisione Svizzera) e con la collaborazione di Studio All Image ed AViLab srl.
A sostenere il film sono accorsi diversi soggetti: Trentino Film Commission, Il centro di cinematografia e cineteca del CAI Centrale, il comune di Pinzolo, Montura, la sezione C.A.I/S.E.M, Sezione CAI Tregnago, SAT, Credito Valtellinese, BIM Lago di Como, Fondazione Bombardieri, Comune di Tregnago e la Fondazione Angelini.

Share
- Advertisment -



Popolari

Aperta la nuova Patologia neonatale a Feltre

Oggi è stata aperta la nuova Patologia neonatale dell’ospedale di Feltre dopo i lavori di ristrutturazioni e adeguamento normativo, con un investimento di circa...

Bim Gsp. Attilio Sommavilla subentra a Giuseppe Vignato alla presidenza della società

Attilio Sommavilla, dottore commercialista e revisore contabile, è il nuovo presidente di Bim Gestione Servizi Pubblici, la società interamente pubblica, partecipata al 100% dai...

Visita lampo a Belluno del capo della Polizia Gabrielli

Nella mattinata di oggi, il capo della Polizia - Direttore generale della Pubblica Sicurezza prefetto Franco Gabrielli, ha incontrato in forma privata le donne...

Il Fondo Letta Comuni confinanti, è stato approvato. De Menech: «In media 1 milione a Comune. Ora i bandi»

Roma, 9 luglio 2020  - È stato approvato oggi in via definitiva dalla Commissione Bilancio della Camera lo schema di decreto del presidente del...
Share