13.9 C
Belluno
lunedì, Giugno 1, 2020
Home Cronaca/Politica Una raccolta fondi permetterà a Samantha, affetta da sclerosi multipla, di pagarsi...

Una raccolta fondi permetterà a Samantha, affetta da sclerosi multipla, di pagarsi di tre mesi di fisioterapia

Samantha Calzavara, 43 anni di Feltre, ha scoperto di avere la Sclerosi multipla tre anni fa. 

Samantha Calzavara
Samantha Calzavara

Da allora è cominciata la sua lotta quotidiana per ottenere diritti e cure non riconosciuti, affrontare spese sempre più grosse, superare ostacoli sempre più alti. Finché un giorno un’amica non ha avuto per lei un’idea brillante, talmente semplice e spontanea da lasciare tutti di stucco. Ha lanciato una raccolta fondi per garantirle la fisioterapia, necessaria almeno due, tre volte la settimana a questo stadio della malattia, che da qualche mese la costringe a stare in carrozzina. «Quando ho saputo questa cosa mi sono commossa», esclama la giovane feltrina, «inizialmente non volevo accettare tutti quei soldi, ma ora che li ho ricevuti e che ho scoperto quanto grande può essere la generosità delle persone, non posso che ringraziare lei e tutti quelli che hanno partecipato. Anche se non so a chi dire grazie, sono grata perché questo mi permetterà di usufruire della terapia per almeno 3 mesi, tre o quattro volte la settimana. È la mia medicina».

Per Samantha questa è una bella vittoria, che si somma al riconoscimento da parte dell’Inps dell’invalidità al 100 per cento, arrivato solo pochi giorni fa. Prima percepiva soltanto 500 euro al mese, appena necessari a far fronte alle cure e alle medicine necessarie al trattamento della malattia degenerativa. Ora avrà diritto a pensione di invalidità più accompagnatoria.

Soltanto un anno fa, dopo aver scoperto quale nuovo capitolo le stava riservando la vita, scriveva: «Ai malati di SM la fisioterapia viene regalata una volta l’anno, le associazioni arrivano fin dove possono perché non hanno fondi, così come i Comuni. Se voglio di più devo pagare un privato. Aiutano soltanto i “ricchi”, gli altri si devono arrangiare. Come fa una persona a vivere e a pagarsi le cure?».

Share
- Advertisment -

Popolari

Massaro e Perenzin sollecitano Zaia: «Asili nido ancora fermi. Vogliamo riaprirli, la Regione si decida»

  Appello dei sindaci bellunesi alla Regione Veneto affinché provveda alla riapertura degli asili nido: l'ordinanza regionale n. 50 dello scorso 23 maggio - che...

Escursionista si perde nella nebbia

Ponte nelle Alpi (BL), 31 - 05 - 20    Alle 11.15 circa la Centrale del 118 è stata contattata per avere informazioni da...

On line il sito dell’Associazione proprietari Nevegal. Progetti per rendere vivibile il Colle tutto l’anno

Il Covid-19 non ha fermato l’Associazione proprietari Nevegal che in questi mesi ha realizzato un sito internet www.associazioneproprietarinevegal.it e condiviso idee e progetti con...

Auronzo. La giunta mette a disposizione 500mila euro del Fondo Comuni Confinanti per l’emergenza covid-19

La giunta comunale di Auronzo di Cadore ha convocato in Sala consiliare i presidenti delle Regole, dell’Ente Cooperativo, del Consorzio Turistico, dello Iat, del...
Share