Thursday, 21 November 2019 - 15:50
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Interruzione di gravidanza L.194. Silvia Benedetti (M5S): “In Veneto la legge non viene applicata. Le istituzioni intervengano per rimuovere ogni ostacolo”

Feb 3rd, 2016 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Silvia Benedetti“È molto grave il dato che emerge dalla denuncia della Cgil rispetto al fatto che nella nostra città, a Padova, l’85% dei medici si rifiuta di praticare l’interruzione di gravidanza.
Concretamente ciò significa che le donne qui non possono usufruire di una legge dello Stato italiano: la legge 194.”
È quanto dichiara la deputata Silvia Benedetti del Movimento 5 Stelle.
“Questo andazzo, che riflette l’andamento nazionale, sta mettendo in discussione conquiste di libertà fatte dalle donne negli anni passati che hanno modificato in meglio il nostro Paese avvicinandolo agli altri paesi più avanzati d’Europa. E’ una condizione inaccettabile che mette in discussione i diritti delle donne.” Prosegue Benedetti: “Lo Stato deve garantire l’applicazione di questa legge facendo in modo che venga potenziata la presenza medica per praticare le interruzioni di gravidanza nelle strutture pubbliche e per rimuovere le condizioni che portano alla non applicazione della legge” . Conclude Benedetti: “Non è un mistero che in Italia molti medici, per non avere ostacoli nell’ambiente ospedaliero e per non subire pressioni, in un contesto generale altamente influenzato dai dettami di Santa Romana Chiesa, si sentano costretti a dichiarasi obiettori ostacolando realmente l’applicazione di un diritto che invece deve essere garantito. Quindi oltre ad una battaglia culturale e di civiltà, è compito delle istituzioni, a tutti i livelli, rimuovere ogni ostacolo e trovare i modi perché la 194 venga applicata”

Share

2 comments
Leave a comment »

  1. Gli obiettori “temono” conseguenze per la carriera (sovente fuori dalla struttura pubblica obiettori non sono). In un paese diversamente civile verrebbero perseguiti e invece qui la legge permette l’obiezione. Siamo pur sempre il paese col vaticano “inside”.

  2. ed anche le liste di attesa per chi deve fare l’ecografia, . . . e scandaloso che gli operatori medici dall’altro lato ti dicono chiaramente che se fai l’ecografia a pagamento, il posto libero si trova subito.