Tuesday, 19 November 2019 - 07:35
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Belluno e Feltre dicono no ai botti di fine anno

Dic 29th, 2015 | By | Category: Prima Pagina, Società, Associazioni, Istituzioni
petardoCon ordinanza del sindaco, sia il Comune di Belluno che quello di Feltre, hanno vietato l’accensione di fuochi, lanci di petardi, botti e artifici pirotecnici di qualsiasi genere.

Per i trasgressori è prevista una sanzione che va da 25 a 500 euro.

C I T T A ‘ D I F E L T R E

ORDINANZA DEL SINDACO
Ordinanza n.38del 29/12/2015- Settore Gestione del Territorio\\U. O. Ambiente
Oggetto: Divieto di accensione fuochi, lanci di petardi, botti e artifici pirotecnici di qualsiasi
genere.
Premesse e Motivazioni
Vista la nota della Prefettura di Belluno in data 18/12/2015 prot. n° 37685/20-2/P.C. che a seguito del telefax della Regione Veneto trasmesso in data 17/12/2015 con il quale si comunica ai sensidell’art. 10 della L. 21/11/200, n° 353 ed art. 9 della L.R. 24/01/1992 n° 6 che viste le contingenticondizioni meteoclimatiche e vegetazionali, è dichiarato lo stato di grave pericolosità per sviluppodi incendi boschivi;
considerato che con l’Ordinanza sindacale n. 31 del 27/10/2015 è fatto divieto di accensione fuochiall’aperto su tutto il territorio comunale dal 1° novembre 2015 al 31 marzo 2016;
visti gli artt.. 650 e 703 del Codice di Procedura Penale;
visto l’art. 54 del Decreto Leg.vo n° 267/2000;
visto l’art. 57 del T.U. Delle leggi in materia diPubblica Sicurezza R.D. 18 giugno 1931, n° 773;
visto il Regolamento di Polizia Urbana del Comune di Feltre.
Considerato che in occasione delle festività di fine anno è uso effettuare l’accensione di fuochid’artificio e sparo di petardi, scoppio di mortaretti e che tale condotta può incidere sensibilmentesulla sicurezza dei cittadini e sulla qualità e tutela dell’ambiente;
Considerato inoltre che gli articoli pirotecnici contengono sostanze esplosive, potenziali pericoli perla cittadinanza e con effetti nocivi, che possono determinare comportamenti imprevedibili per glianimali e che provocano inoltre inquinamento atmosferico e disturbo alla quiete pubblica;
considerate le condizionimeteoclimatiche attuali che potrebbero favorire lo sviluppo di incendi odanni alle abitazioni ed alla vegetazione urbana ed extraurbana.
Normativa/regolamenti di riferimento
−D.Lgs. 3.04.2006 n. 152 e s.m.i. “Norme in materia ambientale”, modificato con D. Lgs.
29.06.2010 n. 128;
−D.G.R.V. 16.05.2006 n. 1408 approvazione del Piano Progressivo di Rientro relativo alle
polveri PM10;
−D.Lgs. 267 del 18 agosto 2000, testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali e, in
particolare, l’art. 50: competenze del Sindaco.
IL SINDACO ORDINA
1) è fatto divieto di accendere fuochi all’aperto, far esplodere petardi, botti e artifici pirotecnici diqualsiasi genere su tutto il territorio comunale;
2) la violazione alla presente ordinanza sarà punita, se non diversamente sanzionata, con
l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria quantificata da € 25,00 a € 500,00.
Contro la presente ordinanza è ammesso ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale entro 60giorni, ovvero al Capo dello Stato entro 120 giorni, in conformità a quanto disposto dalla L.07.08.1990 n° 241;
La Polizia Locale e gli altri Organi competenti sono incaricati del controllo dell’esatta esecuzionedella presente ordinanza.
Il Sindaco

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Che cazzate……