13.9 C
Belluno
giovedì, Aprile 9, 2020
Home Meteo, natura, ambiente, animali Successo per la conferenza di Veronica Vecellio, la cadorina che vive tra...

Successo per la conferenza di Veronica Vecellio, la cadorina che vive tra i gorilla

Veronica Vecellio
Veronica Vecellio

Cosa significa studiare i gorilla e vivere con loro, ma soprattutto, cosa bisogna fare per cercare di salvaguardarli dall’estinzione.

Queste le principali tematiche affrontate nell’incontro di domenica 27 dicembre a Pieve di Cadore dalla dottoressa Veronica Vecellio, la studiosa italiana (unica nostra connazionale) che ha deciso di seguire le orme di Dian Fossey e che da diversi anni lavora, in qualità di manager del Gorilla Program, al Dian Fossey Gorilla Fund International, l’organizzazione che si occupa dello studio, della conservazione e protezione dei gorilla e dei loro habitat in Ruanda, nel Parco dei Vulcani Virunga. Il numeroso pubblico presente alla sala della Magnifica Comunità di Cadore ha potuto conoscere, attraverso le parole di Veronica Vecellio, di cosa si occupa la fondazione, nata nel 1978 (inizialmente come Digit Fund) per iniziativa della zoologa statunitense Dian Fossey. In particolare, è stata resa nota l’attuale situazione in cui si trova la specie dei gorilla di montagna, a rischio di scomparsa senza le misure adottate proprio da persone come Veronica Vecellio, che con il loro quotidiano lavoro consentono di tutelare i primati, ma anche di far comprendere alle popolazioni indigene l’importanza di questa opera di salvaguardia per il loro stesso futuro.

La tutela passa per la conoscenza e la ricerca e infatti la dottoressa Vecellio ha mostrato come si convive e si interagisce con i gorilla, elementi fondamentali per preservarne la salute e l’esistenza. I gorilla sono attualmente in crescita a livello numerico, grazie ad azioni di informazione e soprattutto alle azioni anti-bracconaggio che i membri del Dian Fossey Gorilla Fund International mettono in atto, ma i dati non permettono ancora di considerare conclusa l’opera di salvaguardia.

Proprio per questo, il Lions club di Pieve di Cadore, organizzatore dell’evento (che ha avuto il patrocinio della Magnifica Comunità Cadore e dell’Associazione Bellunesi nel Mondo e la collaborazione di Bellunoradici.net e della Famiglia Ex emigranti del Cadore), ha voluto offrire alla fondazione il proprio sostegno attraverso un contributo economico consegnato alla dottoressa Vecellio, rientrata nei luoghi delle sue origini per le feste natalizie, e che farà presto ritorno in Africa.

- Advertisment -

Popolari

#iorestoacasa ma supporto le attività locali. Un sito per le consegne a domicilio in Provincia di Belluno

Lo scopo del sito consegneadomiciliobelluno.it si spiega già dal nome: un luogo dove raccogliere gratuitamente tutte le attività che consegnano a domicilio in provincia...

Piccole imprese artigiane. De Carlo concorda con Confartigianato: “Concedere loro di riaprire è l’unica possibilità per non farle morire”

“Fermo restando la priorità di tutelare la salute di tutti e di adeguarsi alla normativa anti Covid-19, non si può non ascoltare l’appello accorato...

Comparto moda in ginocchio. Zampieri: “Protraendosi l’emergenza, il calo può arrivare anche a -50%”

Questa crisi è planetaria e, dopo quella petrolifera del 1973, sta mettendo in ginocchio l’intero sistema economico, sul fronte della domanda e dell’offerta, ed...

Confronto Stato – Comuni. Massaro: «5 miliardi al più presto ai comuni italiani. Senza fondi, chiudiamo i servizi»

Il presidente nazionale di Anci, Antonio Decaro, e dell'Unione Province Italiane, Michele de Pascale, hanno abbandonato ieri la Conferenza unificata convocata dal Ministro per...