13.9 C
Belluno
venerdì, Aprile 3, 2020
Home Cronaca/Politica Soccorso alpino: Alex Barattin succede a Fabio Bristot "Rufus" nella Delegazione II...

Soccorso alpino: Alex Barattin succede a Fabio Bristot “Rufus” nella Delegazione II Zona Dolomiti Bellunesi

soccorso alpinoCon le votazioni di mercoledì sera, si sono concluse le elezioni per il rinnovo dei delegati e vicedelegati del Soccorso alpino e speleologico del Veneto, che rimarranno in carica nel triennio 16/18. Nella Delegazione II Zona Dolomiti Bellunesi, a Fabio ‘Rufus’ Bristot, delegato per 4 mandati e presidente regionale per uno, subentra Alex Barattin, già suo vicedelegato. 

Confermato come vicedelegato Mariano De Mattia, attuale componente del Soccorso alpino di Longarone di cui è stato capo, che sarà affiancato da Mario Brunello, soccorritore della Stazione Pedemontana del Grappa, anche lui ex capostazione.

“Un grazie a Fabio, indispensabile e fondamentale, per quello che ha fatto e che continuerà a fare per il Soccorso alpino – sono le parole del neodelegato Barattin – ringrazio i due vice che hanno intrapreso con me questa strada, i capistazione e la segreteria, sempre un punto di riferimento. È una bella sfida conciliare tutto, ma l’impegno sarà al 100 per cento”. Alex Barattin, entrato nel Soccorso alpino nel 2004, è stato per un mandato capostazione dell’Alpago, per poi diventare vicedelegato nel 2012, occupandosi della parte informatica e delle applicazioni per la geolocalizzazione delle persone, nonché degli aspetti formativi e di addestramento.
Nella Delegazione XI Zona Prealpi Venete, il nuovo delegato è Ernesto Chesta, dal 1989 nel Soccorso alpino di Verona, già vicepresidente regionale e vicedelegato. Prende il posto di Giorgio Cocco della Stazione di Schio, delegato dal 2001, che ieri sera è stato eletto vicedelegato assieme a Leonardo Calaon, già vicecapo del Soccorso alpino di Padova. Entrambi subentrano a Marco Vignola, Soccorso alpino di Verona, e a Daniele Benetazzo, Soccorso alpino di Asiago.
Per la VI Delegazione Speleologica è stato confermato per il secondo mandato il delegato Marco Baroncini della Stazione Vicenza speleo (soccorritore dal 2001), così come rimane vicedelegato Giovanni Ferrarese, Stazione Vicenza speleo. Damiano Federti, già a capo della Stazione Verona speleo, sostituisce invece Franco Fozzato, anche lui Stazione Verona speleo, vicedelegato dal 2012.
“Ringrazio i delegati e vicedelegati uscenti per l’impegno profuso e per aver portato a questi livelli il Soccorso alpino e speleologico del Veneto – sono le parole del presidente regionale Rodolfo Selenati – auguro ai nuovi buon lavoro, auspicando un sempre maggiore coinvolgimento dei nostri giovani soccorritori, che sono tanti e veramente in gamba”.

Nella foto da sinistra: De Mattia, Bristot, Barattin, Brunello

Share
- Advertisment -

Popolari

Cortina resta a casa ma guarda al futuro: assegnati i lavori per la nuova cabinovia Tofane – 5 Torri

La cima è sempre più vicina: a giugno al via i lavori per la nuova funivia che collegherà Pocol alle 5 Torri, un collegamento...

Acquistati 4 defibrillatori per gli ospedali provinciali. Berton (Confindustria): “Nonostante la profonda crisi gli imprenditori fanno la loro parte. E’ il nostro grazie alla...

Belluno, 3 aprile 2020 – Nonostante lo stop a parte delle attività produttive, non si arresta la solidarietà delle imprese bellunesi: sono infatti quattro...

Accordo Luxottica. Brancher: “L’azienda integrerà al 100% la retribuzione di chi dovrà accedere alla cassa integrazione”

"L'accordo Luxottica continua a confermare l'estrema attenzione e sensibilità dell'azienda e della proprietà nei confronti delle sue persone". È il commento di Nicola Brancher,...

Cassa integrazione in deroga. Donazzan: in Veneto già 7mila domande per 19.500 lavoratori

Venezia, 2 aprile 2020  -  A cinque giorni dall’avvio della procedura, sono già 7 mila le domande di accesso alla cassa integrazione in deroga...
Share