Thursday, 14 November 2019 - 03:22
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Derivati Regione Veneto – Berti: “Sarà la Corte dei Conti a stabilire la verità, ma chi sa ha ancora tempo per parlare”

Dic 14th, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Jacopo Berti - Movimento 5 Stelle

Jacopo Berti – Movimento 5 Stelle

Sono passati tre giorni dall’intervento con cui Jacopo Berti ha portato all’attenzione del consiglio regionale l’emorragia di milioni di euro causata dai derivati stipulati dalla Regione nel 2006. Un drenaggio di denaro pubblico costante e copioso, che ha portato alla perdita di 57 milioni di euro in questi primi anni e che, come spiegato da un esperto del settore in uno studio commissionato dallo stesso presidente del gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle, costerà ai veneti alla fine del ciclo di vita dei derivati 150 milioni di euro.

Berti è stato oggetto di un fuoco di fila serrato e durissimo da parte della maggioranza e della giunta del governo veneto. Ma nessuno ha ancora mosso un dito per smentire le gravissime dichiarazioni del consigliere, carte alla mano, oppure per spiegare la situazione.
Berti commenta: “Qualcuno della Lega tentava di interrompere il mio intervento e mi ha contestato al termine della spiegazione, ma quando si è chiesto di entrare nel merito nessuno ha saputo o voluto rispondere”.
Poi l’annuncio: “Nelle prossime ore sarò alla Corte dei Conti, saranno loro a stabilire la verità, ma soprattutto – ed è quello che ci interessa – ci permetteranno di fare giustizia per i veneti. La Corte farà chiarezza e usciranno fuori i colpevoli, chi ha bruciato i soldi dei Veneti. Da allora, grazie al nostro e al loro lavoro, chi ha sbagliato – che siano banche o persone – dovrà pagare”.
“Intanto – avverte il consigliere – chi sa ha tempo per ammettere l’errore e salvare almeno in parte la propria dignità. Continuare a mentire è uguale ad aver continuato a non rinegoziare quei prodotti, ovvero a fare un danno ai cittadini. Gli unici che pagano sempre”.

Share

Comments are closed.