13.9 C
Belluno
sabato, Maggio 30, 2020
Home Meteo, natura, ambiente, animali Buone feste dall'Apaca, ma senza botti

Buone feste dall’Apaca, ma senza botti

In attesa di una legge che vieti su tutto il territorio nazionale fuochi pirotecnici, botti, petardi e mortaretti, da molti anni si promuovono petizioni per chiedere ai sindaci l’emanazione dell’ordinanza che ne vieti l’uso sui singoli territori comunali. Oltre 4.000 sindaci hanno accolto la richiesta e in quei comuni si respira un po’ di civiltà in più!

Con l’eccezione di Cortina d’Ampezzo, finora la stragrande maggioranza dei sindaci della provincia tentenna o addirittura si rifiuta di valutare seriamente i fondati motivi da cui traggono origine le richieste di chi chiede il rispetto di tutte le specie (uomini compresi) e la fine di una usanza sicuramente tradizionale ma ormai incivile.

apacaNel corso dell’estate, APACA, Movimento Antispecista Bellunese Siamo Tutti Animali e le sezioni bellunesi di LAV e OIPA Italia hanno spedito una richiesta congiunta a tutti i “primi cittadini” della provincia, ma, per l’ennesima volta, il risultato è stato deludente e solo in poche municipalità si è almeno cominciato a discutere del problema.

APACA – insieme alle altre associazioni protezionistiche – continuerà in tutti i modi l’attività di sensibilizzazione, ma per aiutare i sindaci bellunesi a decidere

SERVE ANCHE IL TUO AIUTO

fai conoscere la tua opinione al sindaco del tuo paese o della tua città
inviagli questa lettera anche come e-mail all’indirizzo che puoi trovare qui:

 


Al Sig. Sindaco
Comune di
………………………..
Oggetto: Richiesta di ordinanza contro i fuochi d’artificio e ogni strumento idoneo a provocare eccessivo rumore.
      Gentile Sig.Sindaco,
                                       ad oggi più di 4000 comuni – con molto buonsenso e rispetto per la vita delle persone e degli animali – hanno vietato l’uso di fuochi pirotecnici e botti perchè fuochi pirotecnici e botti provocano infortuni spesso gravi e mortali, terrorizzano gli animali domestici e selvatici, recano disturbo anche grave alle persone e sono fonte di inquinamento e danni alla salute.
      Lei sa sicuramente che esistono alternative validissime agli spettacoli pirotecnici: ai cittadini che festeggiano capodanno e ai frequentatori delle fiere, delle sagre e delle feste paesane possono essere offerti, infatti, gli schermi d’acqua, le fontane danzanti, le cascate di luce, i giochi di fuoco silenziosi o le lanterne cinesi, tutti spettacoli il cui impatto sugli animali (uomo compreso) è pressochè inesistente! Perciò, sarebbe solo una scusa sostenere che, vietando botti e fuochi pirotecnici, si fa un torto alla popolazione che vuol divertirsi.
       Lei è il responsabile sanitario per ogni specie animale, umana e non, presente sul territorio del nostro comune e, dunque, faccia una scelta di giustizia e di rispetto verso tutti quegli esseri viventi che, con comportamenti etologici inequivocabili, manifestano disagio, paura, fobie e terrore in concomitanza di spettacoli pirotecnici ed impiego di botti e fuochi artificiali.
       Lei, con un’ordinanza che vieta nel territorio del nostro Comune l’utilizzo dei fuochi d’artificio, dei botti, dei petardi e di ogni strumento idoneo a provocare eccessivo rumore può dare un esempio di civiltà e buon senso e porre fine a una pratica inutile e incivile.
       firma ________________________________
Luogo e data ______________________

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Zaia anticipa il governo e allenta la morsa. Mascherine solo al chiuso. Ecco la nuova ordinanza in vigore da lunedì 1° giugno

Con ordinanza n. 55 del 29 maggio 2020, in vigore da lunedì 1° giugno, il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia ha modificato...

Assessore d’Emilia ai commercianti del centro: «Disponibili a sostenere il Consorzio con Distretto del Commercio. Ci dicano le loro priorità»

«Siamo pronti a venire incontro alle necessità dei commercianti del Consorzio Centro Storico, basta che ci indichino le loro priorità e lavoreremo all'interno del...

Rigenerazione del Parco fluviale di Lambioi. Frison: “Ok da Roma alla modifica del progetto”

Via libera da Roma alla modifica del progetto di rigenerazione urbana del Parco di Lambioi: è infatti arrivata la tanto attesa nota del segretario...

Il Lago di Santa Croce è pronto per la stagione 2020. Strutture rinnovate e protocolli di sicurezza per accogliere turisti e visitatori 

L’Alpago non rinuncia al proprio lago e, anzi, rilancia un’offerta turistica e sportiva che potrebbe vedere nella stagione alle porte un’occasione per certi versi...
Share