13.9 C
Belluno
sabato, Maggio 30, 2020
Home Cronaca/Politica Depuratore Lentiai, una piena potrebbe causare sversamenti di liquidi pericolosi. D'Incà: "Si...

Depuratore Lentiai, una piena potrebbe causare sversamenti di liquidi pericolosi. D’Incà: “Si discuta di tipologia di inquinanti e non di assenza di emissioni”

Federico D'Incà, deputato Movimento 5 Stelle
Federico D’Incà, deputato Movimento 5 Stelle

La prima contraddizione starebbe nell’affermare che con l’introduzione delle opere di mitigazione non ci saranno emissioni inquinanti. Ci permettiamo di ricordare che una cosa è parlare di presidi atti a ridurre le emissioni e un’altra cosa è parlare di assenza di emissioni inquinanti. La produzione di emissioni inquinanti sarebbe un dato di fatto.

Sottolinea il parlamentare bellunese del Movimento 5 Stelle Federico D’Incà : “Dall’estate del 2013 sto seguendo con attenzione la situazione con incontri fatti sia con il sindaco Vello che con la minoranza rappresentante dalla Signora Colle allora presente in consiglio comunale e con il comitato nato per rappresentare la sofferenza dei cittadini”.

“Finalmente oggi – continua D’Incà – con la presenza in consiglio regionale del M5S, i cittadini di Lentiai e dei comuni limitrofi hanno una forza politica al loro sevizio che vuole capire fino in fondo le problematiche del territorio e proteggere la nostra terra da ogni possibile speculazione a partire da quella ambientale. Questo è il nostro compito e rispettiamo l’impegno preso con i cittadini”.

Ribadisce il consigliere regionale M5S Simone Scarabel: “In Regione seguiremo la vicenda per tutelare la salute dei cittadini e dell’ambiente. Siamo dei portavoce e questo è quello che la gente ci chiede, di dire quello che altri non hanno il coraggio di denunciare. Questa cosa riguarda anche tutto il bacino del fiume Piave”.

Tuttavia il piano di monitoraggio delle emissioni odorigene sembra apparire non idonea a caratterizzare l’emissione.

Si parlerebbe di saturazione con bottini e percolato da discarica che potrebbero determinare un’estensione del bacino di conferimento anche extraprovinciale. Ci sarebbero rifiuti pericolosi. Nell’elenco dei rifiuti sembrano figurare numerosi CER inerenti fanghi, ma il criterio di eliminazione sembra apparire come una classificazione di pericolosità.

Share
- Advertisment -

Popolari

Zaia anticipa il governo e allenta la morsa. Mascherine solo al chiuso. Ecco la nuova ordinanza in vigore da lunedì 1° giugno

Con ordinanza n. 55 del 29 maggio 2020, in vigore da lunedì 1° giugno, il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia ha modificato...

Assessore d’Emilia ai commercianti del centro: «Disponibili a sostenere il Consorzio con Distretto del Commercio. Ci dicano le loro priorità»

«Siamo pronti a venire incontro alle necessità dei commercianti del Consorzio Centro Storico, basta che ci indichino le loro priorità e lavoreremo all'interno del...

Rigenerazione del Parco fluviale di Lambioi. Frison: “Ok da Roma alla modifica del progetto”

Via libera da Roma alla modifica del progetto di rigenerazione urbana del Parco di Lambioi: è infatti arrivata la tanto attesa nota del segretario...

Il Lago di Santa Croce è pronto per la stagione 2020. Strutture rinnovate e protocolli di sicurezza per accogliere turisti e visitatori 

L’Alpago non rinuncia al proprio lago e, anzi, rilancia un’offerta turistica e sportiva che potrebbe vedere nella stagione alle porte un’occasione per certi versi...
Share