Monday, 24 September 2018 - 03:37

Domenica, Giornata internazionale della bambina. Fidapa Belluno sottolinea i principi della carta dei diritti della bambina e assegna un premio all’interno dell’ex tempore di San Martino

Ott 10th, 2015 | By | Category: Pausa Caffè, Società, Istituzioni

Mai come adesso acquista valore la “Carta dei diritti della bambina”, il documento redatto nel 1997 dalla Federazione internazionale Bpw Europe.

fidapaCosì la Fidapa di Belluno, nel celebrare la Giornata internazionale della bambina (domenica 11 ottobre), lancia un appello alla solidarietà femminile, soprattutto in questo particolare momento storico di grandi flussi migratori che vede nella donna, nelle bambine e nei bambini i soggetti più deboli. Non a caso la sezione bellunese di Fidapa assegnerà il proprio premio nell’ex tempore di San Martino alla scultura che risponde al tema: “Dall’inferno verso la speranza: l’esodo e le madri coraggio”.
La Fidapa infatti, sottolinea che i principi della “Carta dei diritti della bambina” assumono particolare rilevanza in questa realtà globalizzata e multietnica in cui sono presenti comunità portatrici di altre cultura e tradizioni, dove le bambine di coppie di immigrati vengono a confrontarsi quotidianamente con modelli culturali diversi dai loro. E spesso sono le prime a subire le conseguenze di contrasti sociali, culturali e religiosi.
Si ricorda che la Carta, documento unico nel panorama della cultura di genere nato a seguito della drammatica condizione femminile denunciata a Pechino nella Conferenza mondiale delle donne del 1995, rimarca il proprio impegno affinché, sia sul piano culturale e sia su quello educativo, venga affermato fin dalla nascita il diritto alla parità delle donne di tutto il mondo, a partire dai diritti alla vita, alla salute e alla nutrizione. Inoltre, la “Carta dei diritti della bambina” – che Fidapa di Belluno fa propria – vuole porsi come strumento di accelerazione del processo di uguaglianza di genere. Ma non solo: l’impegno è anche rivolto alla nostra società occidentale nel saper incidere con tali principi nell’ambito sociale e nel mondo della scuola. Fidapa inoltre condanna e combatte quelle forme aberranti di “oggettificazione” e, peggio, di “sessualizzazione” delle bambine che esplodono in concorsi di bellezza e addirittura in interventi di chirurgia plastica in età giovanissima per migliorare l’aspetto fisico a scapito, evidentemente, di quello psichico.

Share

Comments are closed.