Saturday, 24 February 2018 - 17:56

Arriva il tempo pieno alla scuola primaria di Mel. Stefano Cesa: “Il servizio parte solo oggi perché in passato non c’era un numero consistente di famiglie a richiederlo”

Ott 5th, 2015 | By | Category: Prima Pagina, Scuola
Stefano Cesa, sindaco di Mel

Stefano Cesa, sindaco di Mel

Finalmente, dopo anni d’inutili tentativi, con l’apertura dell’anno scolastico 2015-2016, anche alla primaria di Mel è partito il tempo pieno con 40 ore di lezioni settimanali per una
classe di 13 primigini provenienti da tutto il territorio comunale.

Ne dà notizia il sindaco di Mel Stefano Cesa che precisa. “A Mel si parte forse troppo tardi con questo servizio visto che le prime esperienze di Scuola
a Tempo Pieno si realizzano in Italia più di 40 anni fa. Nel nostro Comune, tale esperienza parte solo oggi perché nel passato non c’è stato mai stato l’interesse di un numero consistente
di famiglie nel richiedere tale servizio, preferendo spesso spostare i figli in qualche plesso di Comuni contermini.
Oggi le condizioni sono diverse ed è più forte la richiesta dei genitori per rispondere sia ad istanze di tipo formativo e culturale sia per soddisfare le istanze di tipo sociale legate alla
precarietà lavorativa o alla difficoltà di organizzare la famiglia in funzione del lavoro. Da qui il bisogno di offrire un servizio scolastico ben organizzato che copra l’intera giornata.
La stessa riforma, proposta dal Governo Renzi e recentemente approvata dal Parlamento, ridisegna e rinnova, almeno nelle intenzioni, la scuola italiana nella sua funzione e nel suo
modo di presentarsi con l’obiettivo di ampliare la possibilità del tempo pieno nella scuola primaria ed in generale dell’offerta formativa offrendo insegnamenti specialistici.
La “Buona Scuola” guarda all’Europa non solo in termini di ore di lezione, ma di collocazione delle stesse in una giornata educativa “distesa” ed equilibrata, ove si alternano
momenti di impegno curricolare, opportunità integrative, cura e accoglienza.
Con l’occasione dell’introduzione del Tempo Pieno a Mel, l’Amministrazione Comunale ha prontamente attivato il servizio mensa e rivisto l’intero piano dei trasposti scolastici,
affidando l’intero servizio alla ditta Monego Luca che da anni offre un servizio di alta qualità. In tale riorganizzazione si è cercato di soddisfare tutte le richieste dei genitori,
garantendo anche la vigilanza a bordo dei mezzi durante il tragitto in scuolabus.
A giorni, sempre organizzato dall’Amministrazione Comunale, partirà il servizio di Doposcuola nelle giornate di martedì e giovedì nei plessi di Mel e Villa di Villa.
Per quanto riguarda l’ambizioso progetto del nuovo polo scolastico unico di Mel con la demolizione della scuola media per far posto ad nuovo complesso scolastico da destinare a
scuola materna e scuola primaria e lo spostamento delle Scuole Secondarie di 1° grado nell’attuale edificio di scuole primarie del capoluogo, è stato riconosciuto al Comune di Mel
l’assegnazione di un contributo di quasi 2 milioni di euro nell’annualità 2016 all’interno del piano degli interventi straordinari per l’edilizia scolastica voluta dal Governo.
Inoltre l’Amministrazione sta ancora attendendo la ripartizione della quota dell’otto per mille dell’Irpef a diretta gestione statale relativa all’anno 2014, dove era stato richiesto, a
settembre dello scorso anno, un contributo per il progetto del polo scolastico unico.
In questi giorni poi, grazie alla prontezza e all’operosità degli uffici comunali, si è provveduto ad inoltrare richiesta di contributo a valere su un bando promosso dall’Inail per
interventi nell’ambito dell’edilizia scolastica. In caso di esito positivo, l’Inail si farebbe carico dei costi dell’operazione per la costruzione della nuova scuola, richiedendo
all’Amministrazione di corrispondere un canone annuo a un tasso di interesse agevolato, pari al 3% del costo complessivo dell’opera di cui il Comune acquisisce la proprietà.
Sempre in questi giorni – conclude il sindaco Stefano Cesa – , è partita, nei confronti della Regione del Veneto, la manifestazione di interesse per candidare Mel a diventare uno dei 5 progetti regionali per la realizzazione di
scuole innovative. L’operazione sarebbe a totale carico del Ministero della Pubblica Istruzione e prevedrebbe la realizzazione, su aree di proprietà comunale, di una scuola
innovativa dal punto di vista architettonico, impiantistico, tecnologico, dell’efficienza energetica e della sicurezza strutturale e antisismica, caratterizzate dalla presenza di nuovi
ambienti di apprendimento e dall’apertura al territorio”.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.