Friday, 20 April 2018 - 16:28

Storie di Sinti. Venerdì al Fondaco delle Biade a feltre l’inaugurazione della mostra storico-fotografica

Ott 2nd, 2015 | By | Category: Appuntamenti, Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè

Nel contesto delle iniziative istituzionali e di testimonianza degli eventi storici che hanno caratterizzato il tragico periodo dei due Conflitti Mondiali e della Resistenza, a perpetuazione della memoria
nei confronti sopratutto delle giovani generazioni, l’Amministrazione Comunale di Feltre ha programmato l’iniziativa “Storie di Sinti”.

prima guerra mondiale archivio touring clubSi tratta di tre distinti momenti culturali con mostra foto-storica, conferenza e concerto nei quali viene testimoniato il patrimonio culturale della popolazione gitana e le tragiche vicende connesse all’Olocausto.

In particolare si evidenzia l’appuntamento previsto venerdì 2 ottobre, alle ore 18.00 al Fondaco delle Biade con l’inaugurazione della mostra foto-storica “Porrajmos – altre tracce sul sentiero di
Auschwitz”, introdotta da Radames Gabrielli, presidente dell’Ass.ne Nevo Drom. Con il termine “Porrajmos” la cultura sinti identifica la deportazione e lo sterminio di Sinti e Rom, avvenuti nel tragico periodo di dominio nazi-fascista in Germania e Italia.

L’Europa in quel drammatico periodo storico, fu teatro dell’annientamento di almeno la metà dell’intera popolazione rom e sinta europea. Cinquecentomila uomini, donne e bambini furono
perseguitati, imprigionati, uccisi, deportati nei lager e seviziati, vittime degli orrendi esperimenti medici nazisti, sterminati nelle camere a gas e nei forni crematori.

L’Associazione Culturale Nevo Drom, con l’Istituto di Cultura Sinta e il sostegno della Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige, si sta prodigando per far conoscere questi tragici fatti e riscattare così il sacrificio innocente della popolazione sinta.

La mostra, aperta i sabati e le domeniche, dal 3 all’11 ottobre 2015, sarà visitabile su prenotazione per visite scolastiche telefonando ai numeri 0439 885244/294 del Polo Bibliotecario Feltrino.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.