Monday, 20 August 2018 - 11:33

Soppressione treno diretto Belluno – Padova: il Comitato per l’Anello ferroviario delle Dolomiti non ci sta

Ott 2nd, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore, Società, Istituzioni

trenoLa recente notizia che Trenitalia intende procedere dal prossimo 13 dicembre alla soppressione delle corse dirette tra Belluno Padova trova la decisa opposizione del Comitato per l’Anello ferroviario delle Dolomiti.

Infatti, oltre ad avere effetti negativi immediati sui pendolari, che sempre più saranno disincentivati ad utilizzare mezzi alternativi – fa sapere il Comitato – , tale decisione, se confermata, andrà nella direzione opposta a quanto il Comitato si prefigge per la realizzazione del futuro collegamento ferroviario turistico tra le principali valli dolomitiche. Sarebbe come togliere gradualmente linfa vitale ad un albero che si spera invece possa rinvigorirsi e svilupparsi. L’Anello infatti per sostenersi economicamente ha come presupposto avere facilità di afflusso di utenti dalla pianura e dai poli aeroportuali veneti. In tal senso si sono espressi con progetti adeguati i tecnici che hanno partecipato a tutti i convegni da noi promossi, a Longarone e Pieve di Cadore, come agli incontri tecnici promossi dalla Provincia a luglio ed agosto.

Il primo stralcio di detto collegamento consisterebbe nel miglioramento e potenziamento della tratta Feltre Calalzo di Cadore, anche in un’ottica di metropolitana di superficie; ma questa risulterebbe asfittica, non avendo la possibilità dell’ampio respiro dato dalla continuità di linea, minata dalla rottura di carico proposta.
Tale nostro intendimento si concretizza con gli incontri sulla ferrovia da noi già richiesti, già avuti o concertati, con le varie forze politiche presenti in Regione, in primis 5 stelle, Partito democratico, Lega nord/Lista Zaia. Seguiranno quelli coi parlamentari nazionali. Abbiamo in agenda anche un incontro a breve col parlamentare europeo Herbert Dorfmann che ci illustrerà, tra le altre, le possibilità di finanziamento tramite i fondi Juncker.

Il Governatore Zaia si è in varie occasioni espresso a favore del potenziamento della ferrovia nel Bellunese; non abbiamo motivo di dubitarne e proprio per questo andremo fiduciosi ad un incontro con lui, forti del consenso che cittadini e associazioni bellunesi stanno confermando nei nostri confronti. A Zaia chiederemo con forza una presa di posizione netta, non dilatoria, che sgombri il campo da possibili malintesi sui reali progetti della Giunta e sulla sua forza persuasiva nei confronti di Trenitalia.
Il Comitato rappresenta la galassia della società civile bellunese e in tal senso si è costituito portatore di interessi (stakeholder) per la cittadinanza, appellandosi alla cosiddetta legge dei Comitati, la 241 del 7/8/1990, che fissa le norme sulla trasparenza del procedimento amministrativo. Anche questo – conclude la nota del Comitato per l’Anello0 ferroviario delle Dolomiti –  faremo presente con decisione al Governatore.

Share

One comment
Leave a comment »

  1. eliminiamo la provincia di Belluno, facciamo saltare i ponti e chiudiamo le frontiere