13.9 C
Belluno
martedì, 31 Marzo, 2020
Home Cronaca/Politica BellunoDonna: "No alla chiusura dei Centri Antiviolenza in Veneto". Oggi la manifestazione...

BellunoDonna: “No alla chiusura dei Centri Antiviolenza in Veneto”. Oggi la manifestazione a Palazzo Ferrofini a Venezia

La Rete nazionale dei Centri Antiviolenza D.i.Re, donne in rete contro la violenza, appoggia e sostiene la mobilitazione dei Centri antiviolenza del Veneto, delle cittadine e dei cittadini che oggi si troveranno davanti a Palazzo Ferrofini per chiedere che sia ritirato l’emendamento al bilancio con cui si tagliano 100 milioni di euro destinati ai servizi, e quindi anche ai Centri Antiviolenza. Tutti i Centri del Veneto, che già da un anno sopravvivono con le loro sole forze a causa dei ritardi nell’erogazione di fondi già asse
gnati, sono a rischio chiusura.
Nei giorni scorsi la mobilitazione ha già ottenuto che il voto su questo emendamento fosse rimandata.
“Quello che accade in Veneto accade in forme diverse in molte altre Regioni, anche a causa del nuovo Piano nazionale Antiviolenza che è confuso, contraddittorio e largamente insufficiente – ha dichiarato Titti Carrano, presidente nazionale di
D.i.Re – Quasi tutti i Centri boccheggiano per mancanza di fondi e ritardi nell’erogazione del denaro pubblico. Manca un vero riconoscimento del gravissimo problema sociale, culturale e politico della violenza maschile contro le donne, della sua natura trasversale e strutturale, della n ecessità di agire ogni giorno e non solo in occasione dell’emergenza. E, soprattutto, non si arriva alla consapevolezza che i Centri Antiviolenza si sono dimostrati, in oltre vent’anni, l’unico presidio efficace sul territorio per contrastare questo dramma, accogliere e sostenere le donne in un percorso di uscita dalla violenza e di ritorno a una vita libera e autonoma.
La violenza maschile contro le donne arreca danni sociali, psicologici e perfino economici di grave entità, e si ripercuote sulle generazioni future. Tagliando i fondi ai Centri Antiviolenza la
Regione Veneto dimostra una mancanza assoluta di lungimiranza e di competenza, e trascura le eccellenze presenti sul suo territorio.
Non staremo certo a guardare mentre viene indebolita e distrutta una rete costruita e messa a punto nel corso di decenni con le nostre sole forze”.

Share
- Advertisment -

Popolari

A Paiane di Ponte nelle Alpi un progetto artistico triennale diretto dal maestro Vico Calabrò

In questi tempi solleviamo lo scudo contro il Covid-19, ma lo solleviamo anche a favore dell'arte e della bellezza, che ancora una volta "salverà...

Coronavirus. Donazzan: “Lavoratori senza ammortizzatori sociali, come gli educatori d’infanzia nelle Ipab”

Venezia, 31 marzo 2020 - Un assegno straordinario ad hoc, attingendo ai fondi della programmazione regionale Fse, per garantire una forma di ammortizzatore sociale...

Emergenza Coronavirus nelle case di riposo e nuovo piano della Regione. Cisl approva ma chiede impegno costante sulla sicurezza

Venezia-Mestre, 30 marzo 2020 - La tutela della salute e della sicurezza degli ospiti delle case di riposo e del personale che li assiste...

Emergenza Covid nelle case di riposo. 5 Stelle Veneto: “Zaia in ritardo su una situazione drammatica”

”Mentre in Veneto uno dei costi più alti del coronavirus lo stanno pagando gli ospiti delle case di riposo e gli operatori sanitari che...
Share