13.9 C
Belluno
martedì, Giugno 2, 2020
Home Lettere Opinioni Cancellazione treni diretti: l'analisi e la proposta di BinariQuotidiani

Cancellazione treni diretti: l’analisi e la proposta di BinariQuotidiani

binari-galleriaPubblichiamo le osservazioni sul paventato cambio di orario ferroviario fatte da chi il treno lo usa quotidianamente, e dunque è in grado di anticipare conseguenze e ripercussioni derivanti delle modifiche che Trenitalia ha in calendario.

In maniera informale e frammentaria – fa sapere il Gruppo BinariQuotidiani – sono arrivate nuove informazioni sul nuovo orario ferroviario per le linee che da Belluno portano a Treviso e Padova via Montebelluna.
Informazioni, peraltro, già pubblicate su alcuni siti web, con tanto di dettagli tecnici rilevanti.

E allora ci si chiede come mai decisioni di utilità pubblica, pagate con soldi pubblici, siano distribuite con il contagocce e in maniera parziale.
Perché chi decide non spiega in maniera completa, trasparente e imparziale le scelte che sta facendo elencando pro e contro delle stesse scelte?
Perché le informazioni non escono chiare e precise invece che ammantate di frasi ormai logore, incentrate sulla valorizzazione del servizio ferroviario, mentre poi sono comparsi documenti tecnici in cui si legge che la tratta Belluno – Calalzo è “facilmente sostituibile da bus”?

Sono queste domande, oltre che il fatto che già da anni la linea Bassano – Padova è parzialmente sostituita da bus, che la società BusItalia (gruppo FS) ha preso in mano il servizio bus dell’hinterland di Padova ed ora anche per il centro cittadino, a far pensare ad una possibile sostituzione del trasporto su gomma al posto di quello su rotaia.
Forse siamo troppo pessimisti – prosegue la nota di BinariQuotidiani – , ma non è stata mai presentata una pianificazione “cadenzata” di miglioramento pluriennale e volto al futuro. Invece tutte le azioni sono pezze per riparare emergenze, cioè ora siamo alla toppa della toppa!

Per questo nuovo cambio di orario-servizio dal web apprendiamo che ora l’emergenza sono i locomotori Diesel 445 che sembrano non avere vita più lunga di un paio d’anni e che inoltre ci farà per un risparmio sul personale impiegato.

Se ora l’emergenza è l’agonia dei 445 qual’è il miglioramento definitivo che permetterà di proseguire dopo la dipartita dei 445? Che probabilità c’è che la soluzione definitiva sia attuata prima della fine dei 445 ?

I dati più o meno certi sono:
I treni partiranno da Belluno al minuto 34 e avranno finecorsa a Treviso;
Non ci saranno più treni diretti per Padova da Belluno e viceversa nei giorni lavorativi;
Sulla Treviso – Belluno ci saranno treni Minuetto e locomotrici Aln668
Sulla Montebelluna – Padova ci saranno i capienti treni media distanza spinti da motrici 445
Osservazioni:
ELEMENTI POSITIVI per SOCIETA’ di TRASPORTO
– risparmio nella vita delle locomotive 445;
– risparmio di carburante
– risparmio di costi personale perché Minuetti e Aln668 non hanno bisogno del secondo macchinista

ELEMENTI NEGATIVI per SOCIETA’ di TRASPORTO
– perderanno i soldi di alcuni abbonati di Cornuda che faranno l’abbonamento da Montebelluna

ELEMENTI POSITIVI per i PASSEGGERI
– ne avrà beneficio chi deve andare a Treviso e Venezia perché non deve cambiare a Montebelluna. L’entità del beneficio aumenterà se le coincidenze a Treviso saranno ben calibrate.

ELEMENTI NEGATIVI per i PASSEGGERI
– non poter arrivare a Padova senza cambi
– rendere più complicato il viaggio per chi deve andare a prendere coincidenze con treni a lunga percorrenza da Padova
– salire e scendere da Aln668 e da convogli media distanza non è così agevole (scalini alti)
– Montebelluna non ha ascensori per salire ai binari, e i vani scale non sono molto ampi, persone anziane o con mobilità limitata anche temporanea, avranno difficoltà a spostarsi da un binario ad un altro.
– per la Stazione di Montebelluna non è previsto il servizio di assistenza a persone con mobilità limitata
– i Minuetti per come si “muovono a scatti” sono poco confortevoli per pendolarismo di media distanza
– gli utenti di Cornuda saliranno in treno per un percorso di 8-10 km e poi dovranno aspettare (5?-15?minuti) per ripartire alla volta di Padova?
– una certa parte degli utenti da Fener a Cornuda sono studenti degli istituti superiori di Castelfranco che avranno così viaggi più lunghi in termini di tempo
– un altra parte di utenti da Fener a Cornuda sono studenti che vanno a Montebelluna, per loro converrà ancora usare il treno? Ci sono corse bus adeguate per arrivare a scuola a Montebelluna?
– La stazione di Cornuda serve un bacino di utenza molto ampio, si possono contare un centinaio di auto di utenti nel suo parcheggio: probabilmente tutti questi utenti finiranno per prendere il treno a Montebelluna dove il parcheggio attualmente è già pieno.
-Il cambiamento sostanziale di orario che si prospetta per i treni in partenza da Padova nella fascia tardo pomeridiana costringerà molti lavoratori pendolari a rinegoziare l’orario di lavoro con il proprio datore di lavoro, sempre che si riesca/si possa discuterne. Se ciò non fosse possibile l’unica alternativa è il posticipo del rientro a casa, con tutte le conseguenze sulla vita privata e familiare. Nessuno pensa mai che dietro ad un servizio ci sono delle persone che fruiscono di quel servizio?
– Ci sono poi altre due realtà minori di viaggiatori che subirebbero dei disagi: gli studenti del conservatorio di Catelfranco, e giovani atleti della Feltrese Calcio che al pomeriggio partono fin da Camposampiero per raggiungere Feltre per gli allenamenti e poi la sera devono tornare a casa.

Proposta
Perchè non fare un orario con corse miste alcune Belluno – Padova (e viceversa) e altre Belluno Treviso alternate nella giornata con mezzi leggeri tipo Aln 668 o Minuetto, e altre corse Montebelluna – Padova (e viceversa) con i convogli media distanza in modo di non penalizzare gli utenti Bellunesi e al contempo assicurare un numero adeguato di posti per i molti utenti di Montebelluna e “migranti” di Cornuda?

Inoltre – conclude la nota di BinariQuotidiani -.  ci dispiace leggere dai giornali che il sindaco di Longarone Padrin sapesse e “aspettasse”, ma qual è il suo compito: avvalorare sempre e comunque le decisioni dall’alto o anche informare e rendere partecipi i cittadini? Che delusione”!

Share
- Advertisment -

Popolari

Giardino di rose del Museo etnografico di Cesiomaggiore. Sabato e domenica le audio-visite guidate

Per apprezzare l’immensa varietà di rose, la storia della loro complessa evoluzione e le tante storie che legano intrinsecamente i rosai alle sale del...

990mila euro per la messa in sicurezza a Villaga. Bortoluzzi (Provincia) e Zatta (Comune di Feltre): «Si pone fine a un problema annoso»

Partirà nei prossimi giorni la messa in sicurezza dell'abitato di Villaga, in Comune di Feltre. Una vasta operazione gestita dalla Provincia di Belluno che...

Borgo Valbelluna. Le biblioteche, “Piazze del sapere” anche per i più giovani

In questi giorni il Comune di Borgo Valbelluna si sta attivando per formalizzare l’affidamento a terzi di alcune attività del servizio bibliotecario comunale per...

2 giugno Festa della Repubblica. Cerimonia in piazza dei Martiri per il 74mo anniversario

La drammatica situazione di emergenza sanitaria causata dall’epidemia del coronavirus impone che per quest’anno la cerimonia si svolga rispettando le misure di prevenzione per...
Share