Tuesday, 19 November 2019 - 21:02
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Settant’anni di Appia

Set 29th, 2015 | By | Category: Prima Pagina, Società, Associazioni, Istituzioni

Era il 17 ottobre del 1945 quando 13 artigiani si trovarono davanti al notaio Pierobon di Belluno per sottoscrivere l’atto costitutivo dell’APPIA nella convinzione che, terminata la guerra, fosse necessario ripartire puntando sull’associazionismo, sulla necessità di unire le poche risorse disponibili per affrontare un futuro di sacrifici che appariva però foriero di nuove opportunità.

Moreno De Col

Moreno De Col

“Potevamo scegliere di ricordare questo anniversario in diversi modi – rileva Moreno De Col, presidente dell’Associazione. Alla fine, abbiamo ritenuto che la forma migliore per farlo fosse di coinvolgere le imprese ragionando con loro di passato, presente e futuro per cogliere – assieme – i fili di uno sviluppo non omogeneo che fa si che nella nostra area vasta convivano esigenze, realtà, aspettative diverse”.
Il primo incontro si terrà venerdì 2 ottobre (inizio alle ore 18) a Pieve di Cadore, nella sala del Consiglio della Magnifica Comunità, e avrà per tema “Imprese di montagna, esperienze a confronto”. Ne parleranno Flaminio Da Deppo, presidente del Gal Alto Bellunese, Gert Lanz e Helmuth Innerbichler, imprenditori della provincia di Bolzano, Laura Aglio di Ecipa/CNA, Moreno De Val, sindaco di San Tomaso Agordino e Michael Aichner, presidente della Camera di Commercio di Lienz.
“L’obiettivo dell’iniziativa – chiosa De Col – è ragionare con le imprese che operano nella parte alta della provincia, dall’Agordino al Comelico; zone che, più di altre, devono confrontarsi con le questioni legate allo spopolamento, alla perdita di servizi e con una dotazione infrastrutturale prossima al collasso. Ragionare con i colleghi del Sud e dell’Ost Tyrol sarà un esercizio utile per capire se esistano buone prassi che possano essere reciprocamente condivise. E, per quanto ci riguarda, puntando a una sempre maggiore integrazione e interdipendenza tra manifatturiero, turismo e agricoltura”.

Share

Comments are closed.