Tuesday, 12 November 2019 - 23:27
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Elettrodotto Valbelluna, la Regione chiede a Terna di sospendere la procedura. Comitati civici: “Un’amministrazione provinciale miope. Se la Commissione Via ignora la delibera regionale si va alla class action”

Set 28th, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Meteo, natura, ambiente, animali, Prima Pagina

comitati civici valbellunaLa giunta regionale ha ratificato la risoluzione numero 72 del giugno 2014. Con questo atto, chiede a Terna di sospendere la procedura in atto sul progetto di razionalizzazione delle reti elettriche del Bellunese per rifare da capo tutto il piano.

Si tratta di un grande risultato – commentano i Comitati civici della Valbelluna –  perché è proprio questo che chiediamo da oltre un anno: non un “no” secco alle infrastrutture elettriche, indispensabili per il nostro territorio, ma un “no” secco a progetti nati male e che non tengono conto delle necessità ambientali e di salute pubblica di tutto il Bellunese.

Non possiamo che ringraziare sentitamente gli assessori Bottacin e Marcato, che in breve tempo sono riusciti a sbloccare una situazione che con l’ex assessore Giorgetti era ferma da un anno. Grazie anche all’ex consigliere Dario Bond, autore della risoluzione 72. E a Sergio Reolon, che pur in una situazione politicamente difficile ha firmato quella risoluzione, dimostrando grande lungimiranza politica.

Questa è la prova che quando il territorio si unisce, arrivano grandi risultati. Resta un dubbio: a questo punto, dopo la presa di posizione miope dell’amministrazione provinciale, che futuro e che ruolo potrà ancora avere l’ente Provincia nella gestione del territorio bellunese?

Ad esclusione del consigliere Lise, infatti, la Provincia si è dimostrata miope e incompetente rispetto alla questione elettrodotto.
Invitiamo tutti i soggetti presenti nell’elenco espropri pubblicato da Terna a contattarci, nel caso volessero fare qualche osservazione. Noi siamo pronti a portare avanti una class action – assicurano i Comitati civici della Valbelluna – , qualora la Commissione Via Nazionale, infischiandosene dell’atto della giunta regionale, decidesse di esprimere parere favorevole a questo progetto di Terna”.

 

Share

Comments are closed.