13.9 C
Belluno
domenica, Maggio 31, 2020
Home Cronaca/Politica Prefetture.  La specificità montana riconosciuta in tutti i provvedimenti del governo. Roger De...

Prefetture.  La specificità montana riconosciuta in tutti i provvedimenti del governo. Roger De Menech ha incontrato il sottosegretario Manzione

Roger De Menech, deputato Pd
Roger De Menech, deputato Pd

Belluno, 24 Settembre 2015 _ Il processo di semplificazione dell’apparato burocratico dello stato non si deve arrestare, ma la specificità delle province montane deve essere riconosciuta in tutti i provvedimenti del governo. Ieri mattina a Roma, il deputato bellunese Roger De Menech e il senatore di Sondrio Mauro Del Barba hanno incontrato il sottosegretario di Stato al ministero dell’Interno, Domenico Manzione per ribadire la necessità di confermare le previsioni della riforma Delrio rispetto ai territori interamente montani e confinanti con stati esteri.

«Restiamo convinti dell’importanza delle riforme», afferma De Menech, «ma il cambiamento va perseguito con intelligenza, senza depauperare le aree più deboli e consentendo la crescita dei servizi nelle province montane».

Per Belluno, Sondrio e Verbania, ha sottolineato il deputato, «la specificità va riconosciuta anche nel provvedimento di accorpamento delle prefetture. La nostra non è una difesa generica dell’organizzazione statale attuale». Nell’incontro con il sottosegretario, i parlamentari hanno posto l’attenzione sul sistema di sicurezza e protezione civile. A Belluno, in particolare, il servizio è articolato su più livelli con una forte presenza del volontariato attivo, dai vigili del fuoco al soccorso alpino. «Queste organizzazioni svolgono un servizio prezioso per mantenere la sicurezza, contribuendo a garantire l’economia legata al turismo in montagna», ricorda De Menech. «Il nostro impegno concreto è rivolto a sviluppare tali organizzazioni».

Il tema della montagna, conclude De Menech, «per la prima volta nella storia repubblicana è stato affrontato in maniera organica da questo governo e confido che continuerà ad essere così. A livello parlamentare ci siamo organizzati con un Intergruppo che analizza tutti i provvedimenti legislativi in discussione, i loro effetti sulle aree montane e propone emendamenti e correttivi quando necessario. Infine, con i colleghi di Sondrio (Mauro Del Barba) e Verbania (Enrico Borghi), mantengo un rapporto stretto con i rappresentanti del governo, proprio per tenere alta l’attenzione».

Share
- Advertisment -

Popolari

Massaro e Perenzin sollecitano Zaia: «Asili nido ancora fermi. Vogliamo riaprirli, la Regione si decida»

  Appello dei sindaci bellunesi alla Regione Veneto affinché provveda alla riapertura degli asili nido: l'ordinanza regionale n. 50 dello scorso 23 maggio - che...

Escursionista si perde nella nebbia

Ponte nelle Alpi (BL), 31 - 05 - 20    Alle 11.15 circa la Centrale del 118 è stata contattata per avere informazioni da...

On line il sito dell’Associazione proprietari Nevegal. Progetti per rendere vivibile il Colle tutto l’anno

Il Covid-19 non ha fermato l’Associazione proprietari Nevegal che in questi mesi ha realizzato un sito internet www.associazioneproprietarinevegal.it e condiviso idee e progetti con...

Auronzo. La giunta mette a disposizione 500mila euro del Fondo Comuni Confinanti per l’emergenza covid-19

La giunta comunale di Auronzo di Cadore ha convocato in Sala consiliare i presidenti delle Regole, dell’Ente Cooperativo, del Consorzio Turistico, dello Iat, del...
Share