13.9 C
Belluno
martedì, Giugno 2, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Una tesi sulla legislazione statutaria bellunese tra medioevo ed età moderna di...

Una tesi sulla legislazione statutaria bellunese tra medioevo ed età moderna di Isabella Comiotto

isabella comiottoIsabella Comiotto si è laureata brillantemente in Giurisprudenza presso l’Università di Padova discutendo la tesi: “La legislazione statutaria bellunese tra medioevo ed età moderna: il Bando” , Relatore la Prof. Chiara Maria Valsecchi. L’interessante studio dello Statuto bellunese di Isabella, è partito da un’analisi storica sulla nascita e formazione del Comune di Belluno, momento in cui sono certamente apparse le sue prime versioni. E’ però quella del 1392, commissionata dai Visconti, su cui ha focalizzato la sua attenzione; i motivi di questa scelta sono principalmente due: la longevità della sua applicazione, terminata solo alla caduta della Serenissima a fine 700, e il fatto che la raccolta normativa ci sia pervenuta in maniera completa. Questa versione viscontea, nella sua composizione, rispecchia la tipica suddivisione degli statuti medievali: Troviamo, infatti, la suddivisione in quattro libri, dove il primo raggruppa le norme riguardanti la struttura del Comune e i suoi organi; il secondo è sicuramente un libro più disorganico, poiché pur trattando del processo sia penale sia civile, contiene norme di diverso genere. Il terzo libro, dal canto suo, tratta la materia penale: è il cd liber de maleficiis; infine il libro quarto che esamina una lunga serie di dazi.
All’interno delle sanzioni comminate in epoca medievale e disciplinate dallo Statuto bellunese, l’analisi di Isabella si è poi concentrata sul curioso istituto del “bando”, istituto che in epoca comunale è stato applicato assumendone la medesima accezione data al bannum dai franchi. Con questo mezzo veniva, infatti, allontanato il reo dalla società e dalla comunità di appartenenza, se pur tali soggetti riuscissero comunque a ottenere protezione dai locali, attraverso le modalità più ingegnose. Tale pena è stata applicata all’interno della penisola italiana secondo modalità e per punire reati differenti, arrivando nel caso del bando per maleficio persino a permettere l’uccisione impunita del reo perché considerato Hostis publicus e per tanto nemico dell’ intera comunità.
L’analisi delle materie trattate nello Statuto bellunese del 1392, è una sintesi dell’intero mondo politico, sociale, economico, giuridico, privato, familiare e quotidiano locale. Questo studio, confermato nella trattazione del bando, dimostra come ogni realtà godesse di peculiarità fatte proprie dallo statuto di riferimento che a sua volta non fu altro che un raccoglitore di norme emanate in momenti diversi e da autorità diverse, ma comunque assettati nel medesimo spazio.

Share
- Advertisment -

Popolari

990mila euro per la messa in sicurezza a Villaga. Bortoluzzi (Provincia) e Zatta (Comune di Feltre): «Si pone fine a un problema annoso»

Partirà nei prossimi giorni la messa in sicurezza dell'abitato di Villaga, in Comune di Feltre. Una vasta operazione gestita dalla Provincia di Belluno che...

Borgo Valbelluna. Le biblioteche, “Piazze del sapere” anche per i più giovani

In questi giorni il Comune di Borgo Valbelluna si sta attivando per formalizzare l’affidamento a terzi di alcune attività del servizio bibliotecario comunale per...

2 giugno Festa della Repubblica. Cerimonia in piazza dei Martiri per il 74mo anniversario

La drammatica situazione di emergenza sanitaria causata dall’epidemia del coronavirus impone che per quest’anno la cerimonia si svolga rispettando le misure di prevenzione per...

Nevegal, basta rimpalli! De Moliner: “Non vorremmo che la proposta Gidoni in Regione finisse come la Legge 25/14 sulla autonomia della Provincia di...

"Crediamo che sulla vicenda Nevegàl debba essere fatta chiarezza sulle intenzioni che hanno la Regione e il Comune di Belluno. Non è possibile, ed...
Share