Wednesday, 20 November 2019 - 09:37
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Movimento franoso ad Acquabona, chiusa la strada San Vito – Cortina. Riapertura prevista per le ore 19.30

Set 14th, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

prefettura leggeriss

A seguito delle condizioni meteorologiche avverse di queste ultime ore si è nuovamente mossa la frana in località Acquabona del comune di Cortina d’Ampezzo. Conseguentemente, come previsto dalla nuova procedura operativa, è stata disposta la chiusura della SS51 dal km 97 + 500 al km 99 + 000 (tratto San Vito di Cadore -Cortina d’Ampezzo).

Nella mattinata odierna si terrà presso la Prefettura di Belluno una riunione avente ad oggetto il movimento franoso sopraccitato.

L’Anas ha informato che sono in corso i lavori di pulizia della sede stradale e la riapertura, almeno parziale, della Strada Statale è prevista per le ore 17,00 di oggi.

l’Anas ha informato che a causa delle condizioni meteorologiche avverse, la prevista riapertura alla circolazione è posticipata alle ore 19,30.

Share

3 comments
Leave a comment »

  1. “Nella mattinata odierna si terrà presso la Prefettura di Belluno una riunione”…. e fuori della porta i sindaci troveranno un foglio A3 scritto a mano con un pennarello nero e attaccato con il nastro adesivo alle inferiate con scritto:

    CHIUSO

    per urgenze mandare un fax allo 0422 592495

  2. Prefettura ente inutile da chiudere senza perder tempo. Per il coodinamento in caso di disastri ci sono decine di soluzioni più semplici che non tenere un baraccone con sessanta nullafacenti pagati dal contribuente.

  3. Se ci potessimo arrangiare tra di noi andrebbe benissimo! La cosa fastidiosa è che i sessanta “italici” nullafacenti pagati dal contribuente resteranno e dovremmo comunque pagarli, riverirli e elemosinare i loro “timbri sulle carte” per spalaci da le frane da soli.
    Eliminare tutte le prefetture sarebbe gran risparmio contribuente; gli “accorpamenti” sono false dimostrazioni di impegno di questo governo di scolaretti tanto presuntuosi quanto incapaci…
    Detto questo nessuno rimpiangerà i “borbonici” rappresentanti di questo stato coloniale ma si apriranno le porte a una nuova colonizzazione di inutili e nulla facenti italici distinguibili dagli attuali solo per la mancanza delle doppie consonanti nel lessico…