Tuesday, 12 November 2019 - 23:42
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Madre e figlio soccorsi sotto il Pelmo. Vola dalla Torre Grande del Falzarego. Riaccompagnati i ciclisti smarritisi nei boschi di Alano di Piave

Set 9th, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

soccorso

Vodo di Cadore (BL), 09-09-15 Alle 19.30 circa, madre e figlio di Ravenna hanno contattato il 118 per chiedere aiuto, poiché, diretti al Rifugio Venezia, si trovavano ancora a Forcella Val d’Arcia sotto il Pelmo e non erano in grado di proseguire, prossimo il buio. A scadenza effemeridi, è quindi intervenuto l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore che, dopo averli individuati, li ha recuperati entrambi con un verricello di 10 metri per trasportarli fino in piazzola a Pieve.

Cortina d’Ampezzo (BL), 09-09-15  Attorno alle 13.30 il 118 è stato allertato per un alpinista volato, da primo, sul penultimo tiro della Via Dibona alla Torre Grande di Falzarego, a dare l’allarme il suo compagno di cordata. L’elicottero dell’Aiut Alpin Dolomites ha individuato il rocciatore, S.C., 63 anni, di Merano (BZ), che era caduto per una ventina di metri sbattendo sulla parete, lo ha recuperato e trasportato all’ospedale di Bolzano con un sospetto politrauma.

Alano di Piave (BL), 09-09-15 Si è concluso attorno alle 22.30 l’intervento che ieri sera ha visto impegnati sei tecnici del Soccorso alpino di Feltre, allertati dal 118 poco prima delle 20 per due ciclisti padovani bloccati in un bosco dal buio. Contattati al cellulare e avute da loro le coordinate Gps, la squadra li ha raggiunti in località Lavel, 200 metri circa in linea d’aria sopra la strada, e li ha riaccompagnati a valle.

Share

Comments are closed.