13.9 C
Belluno
martedì, Giugno 2, 2020
Home Cronaca/Politica Porto d'Armi. Berlato annuncia una mozione sul diritto di legittima difesa

Porto d’Armi. Berlato annuncia una mozione sul diritto di legittima difesa

sergio berlato eurodeputato pdl “Evidentemente per il Governo Renzi il problema della scarsa sicurezza nel nostro Paese è rappresentato dai cittadini onesti che detengono regolarmente delle armi in casa, e non dalla criminalità dilagante che utilizza per le rapine armi automatiche. Il caso Stacchio ci insegna qualcosa”: esordisce così il Consigliere regionale del Veneto e Presidente della 3° Commissione Sergio Berlato (FdI-AN-Mcr) , dopo le dichiarazioni del premier Matteo Renzi alla chiusura della festa dell’Unità di Milano, che ha dichiarato di avere pronta una legge per rendere difficile la detenzione delle armi in casa. “Abbiamo già avuto modo di constatare l’insipienza ed il pregiudizio ideologico di questo Governo in materia di sicurezza ed armi con l’inutile e ridicolo decreto anti terrorismo – prosegue Berlato – un provvedimento che non ha fatto altro che complicare la vita ai cittadini onesti ed incensurati che utilizzano e detengono le armi in maniera legittima, ma totalmente inefficace per colpire in maniera esemplare il mercato nero e gli arsenali della criminalità organizzata, e tantomeno il terrorismo di ogni matrice”.

“Renzi – insiste Berlato – non perde occasione per dimostrare come non abbia alcun interesse verso i più che motivati timori di larga parte dei cittadini italiani che ormai hanno la percezione di uno Stato che ha dichiarato la resa, e di conseguenza non è più in grado di provvedere alla loro sicurezza”. “In un Paese che opera continui tagli alle risorse destinate alle Forze dell’Ordine – sottolinea l’esponente di Fratelli d’Italia – che vede peggiorare quotidianamente una situazione già esplosiva legata alla totale incapacità di gestire il fenomeno migratorio, con i risultati visti anche recentemente nel caso dei coniugi uccisi a Palagonia, il tutto unito ad una criminalità che si fa sempre più violenta e spregiudicata, riteniamo che i cittadini abbiano il diritto di detenere armi in casa per garantire la propria incolumità, quella dei propri cari e dei propri beni ”.

“Il continuo attacco al settore armiero – prosegue il Consigliere Berlato – che rappresenta anche un’importante settore economico per il nostro Paese, dovrebbe ridestare dal torpore anche le categorie economiche e sociali che compongono il variegato mondo di chi utilizza le armi a vario titolo. Occorre far sentire con forza la voce dei milioni di cittadini onesti e, ricordiamo, dalla fedina penale perfettamente pulita, che non accettano di essere tratti con severità e rigore da un Governo che, al contrario, parrebbe usare il guanto di velluto con i criminali”. In conclusione, Sergio Berlato ha annunciato che “nei prossimi giorni presenteremo alla stampa una mozione già depositata presso il Consiglio regionale del Veneto sul diritto alla legittima difesa”.

Share
- Advertisment -

Popolari

990mila euro per la messa in sicurezza a Villaga. Bortoluzzi (Provincia) e Zatta (Comune di Feltre): «Si pone fine a un problema annoso»

Partirà nei prossimi giorni la messa in sicurezza dell'abitato di Villaga, in Comune di Feltre. Una vasta operazione gestita dalla Provincia di Belluno che...

Borgo Valbelluna. Le biblioteche, “Piazze del sapere” anche per i più giovani

In questi giorni il Comune di Borgo Valbelluna si sta attivando per formalizzare l’affidamento a terzi di alcune attività del servizio bibliotecario comunale per...

2 giugno Festa della Repubblica. Cerimonia in piazza dei Martiri per il 74mo anniversario

La drammatica situazione di emergenza sanitaria causata dall’epidemia del coronavirus impone che per quest’anno la cerimonia si svolga rispettando le misure di prevenzione per...

Nevegal, basta rimpalli! De Moliner: “Non vorremmo che la proposta Gidoni in Regione finisse come la Legge 25/14 sulla autonomia della Provincia di...

"Crediamo che sulla vicenda Nevegàl debba essere fatta chiarezza sulle intenzioni che hanno la Regione e il Comune di Belluno. Non è possibile, ed...
Share