Wednesday, 20 November 2019 - 08:58
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Aeroporto di Cortina. Il sì di Zaia: “In tempo per i Mondiali 2021. Altre localittà estere ce l’hanno e ne beneficiano”

Set 7th, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

zaiaLa sostenibilità economica e quella ambientale sono presupposti fondamentali, ma io ci credo e confermo la disponibilità della Regione a fare tutto il possibile, nei limiti delle sue competenze e delle norme, perché il progetto dell’aeroporto a Cortina vada a buon fine. Fatto bene e presto sarebbe un nuovo, formidabile, elemento di attrazione non solo per la conca ampezzana, ma per tutte le Dolomiti e, ne sono certo, per tutto il turismo veneto”.

Con queste parole il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia sottolinea di vedere con “estremo favore, anche in vista dei mondiali di sci Cortina 2021” la possibilità della realizzazione di un aeroporto “dalle giuste dimensioni” nella “perla delle Dolomiti”.

Dal punto di vista ambientale – aggiunge Zaia – andrà posta molta attenzione, ma conciliare ambiente e sviluppo si può e si deve fare. Per quanto riguarda l’aspetto finanziario sarà fondamentale l’impegno e la serietà del pool di investitori privati ma, di fronte a un progetto serio come quello che dovrebbe scaturire, la Regione non si tirerà indietro, pronta ad intervenire con la Finanziaria Veneto Sviluppo”.

Abbiamo le più belle montagne del mondo, sia dal punto di vista paesaggistico che da quello sciistico ed escursionistico – conclude Zaia – ma dobbiamo anche creare le condizioni perché il mondo possa fruirne al meglio. Tante località montane svizzere, austriache, francesi, americane che vanno per la maggiore hanno uno scalo aeroportuale al loro servizio, più o meno vicino. Sarebbe ora che anche la nostra Cortina potesse combattere ad armi pari anche dal punto di vista della mobilità”.

Share

3 comments
Leave a comment »

  1. Infatti ha pienamente ragione. Le strade che sono da terzo mondo, le lasciamo così come sono, anche se viene giù qualche frana, continuamo a dare incarichi profumati a professionisti per ipotizzare, provare, disfare, riprovare, mentre, visto che di soldi ce ne sono, facciamo un aeroporto. Sai che traffico che ci sarà.

  2. Se la memoria non mi inganna, sulla Punta Fiammes qualche decennio fa si schiantò un aereo leggero con alcune persone a bordo. Il velivolo era decollato dall’aviosuperficie di Fiammes per dimostrare la fattibilità di un aereoporto civile sul posto.
    Dopo le ferrovie impossibili o improbabili arrivano anche gli aereoporti 🙂

  3. Rectius: non Fiammes ma Fiames