Wednesday, 20 November 2019 - 09:09
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Nella sfida della cronoscalata Pedavena – Croce d’Aune ci sarà gloria anche per i copiloti da rally

Set 1st, 2015 | By | Category: Prima Pagina, Sport, tempo libero
Faggioli

Faggioli

La sfida è nata quasi in sordina ma si è consolidata nel tempo. Serve una premessa: copiloti nei rally si nasce o si diventa. Chi nasce punta a fare solo quello e cerca di farlo nel miglior modo possibile per formare un buon equipaggio con il pilota, al quale spetta il compito di guidare ascoltando le note di chi gli sta accanto. Chi diventa navigatore è invece colui che ha tentato di fare il pilota e poi, o per mancanza di talento, o per mancanza di risorse finanziarie è stato costretto a salire sul sedile di destra; a volte diventando pure un buon navigatore e dimenticando il piacere della guida di un’auto da corsa. C’è chi invece quel piacere non lo scorda e quando può guida in gara da pilota. Accade da qualche anno alla Pedavena-Croce d’Aune, la cronoscalata di velocità in salita che chiude la serie tricolore e che è in programma il 19 e 20 settembre. Ad ogni edizione recente si è sviluppata infatti la sfida tra navigatori, da quest’anno ci sarà una sorta di ufficialità. Ci si può iscrivere inviando al comitato organizzatore almeno due schede di iscrizione ad altrettanti rally nel 2015 in veste di navigatore. Questo è sufficiente per partecipare alla sfida che non si baserà sulla migliore prestazione in quanto le auto saranno troppo diverse tra loro: sarà invece premiato il pilota che tra gara 1 e gara 2 avrà tolto di più in termini di tempo. Se in gara 2 dovesse piovere rispetto a gara 1, sarà premiato chi avrà perso di meno. Si sta studiando un coefficiente per aggiustare il tempo qualora vi siano condizioni di netta differenza nell’ambito della stessa gara. Ovviamente, la sfida è fondamentalmente goliardica ma ci sono due premi: un abbonamento al mensile TuttoRally+, la rivista di riferimento per chi corre nei rally in Italia e la riduzione del 50% della tassa di iscrizione alla gara nel 2016, su precisa indicazione del comitato organizzatore che ci tiene ad adoperare gli strumenti adatti a “fidelizzare” i partecipanti.

Share

Comments are closed.