Wednesday, 19 September 2018 - 21:09

Precipita per 200 metri e muore. Infortunio sulla Ferrata eterna

Ago 22nd, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

soccorso alpino ambulanzaArsiè (BL), 22-08-15 Questa mattina attorno alle 9 il 118 è stato allertato per un uomo precipitato in una ripida scarpata in Val Carazzagno, sopra il lago di Arsiè. Una volta individuata la zona, l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore ha sbarcato il tecnico del Soccorso alpino dell’equipaggio vicino al luogo dell’incidente, per poi volare a imbarcare due soccorritori di Feltre in supporto alle operazioni. Purtroppo A.F., 55 anni di Padova, era privo di vita. Liberato uno spazio tra la vegetazione attorno al luogo in cui si trovava, una volta ricomposta e imbarellata, la salma è stata recuperata con un verricello di 50 metri, per essere trasportata sulla strada e affidata al carro funebre. Probabilmente l’uomo, che in questi giorni dimorava in un’abitazione facente parte di un gruppetto di case in località Forcelletta ed era stato visto l’ultima volta ieri, deve essere scivolato lungo il bosco ripido forse già ieri. Questa mattina, non vedendolo, i conoscenti avevano iniziato a cercarlo, finché ritrovato il corpo 200 metri in fondo al pendio scosceso non avevano lanciato l’allarme. Sul posto anche i carabinieri.

Rocca Pietore (BL), 22-08-15 Attorno alle 13 l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione della Marmolada, dove, a circa 2.800 metri di quota, un escursionista si era infortunato percorrendo la Ferrata Eterna. L’uomo, N.B., 50 anni, di Parma, che si trovava con altre persone, è stato recuperato con un verricello di 15 metri, per essere trasportato all’ospedale di Belluno con una probabile frattura alla caviglia.

 

Gli altri interventi di sabato:

SCIVOLA E SBATTE LA TESTA SCENDENDO DAL MULAZ

Falcade (BL), 22-08-15 Percorrendo con altre persone il sentiero numero 751, che dal Rifugio Volpi al Mulaz scende a Passo Valles, un escursionista è scivolato sbattendo la testa. Per la presenza di nubi basse l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore, scattato l’allarme passate le 15, non si è potuto avvicinare al luogo dell’incidente, avvenuto a circa 2.300 metri di altitudine. Imbarcati due soccorritori della Stazione della Val Biois in supporto alle operazioni, l’eliambulanza è riuscita ad atterrare una cinquantina di metri più in basso. Il tecnico del Soccorso alpino dell’equipaggio e i due soccorritori hanno quindi raggiunto a piedi l’infortunato, L.B., 49 anni, di San Donà di Piave (VE), che presentava una ferita alla testa e, dopo averlo imbarellato, lo hanno trasportato fino all’elicottero, decollato poi in direzione dell’ospedale di Belluno.

 

TRAUMA AL GINOCCHIO ALLE CASCATE DI FANES

Cortina d’Ampezzo (BL), 22-08-15 Attorno alle 14 la Stazione del Soccorso alpino di Cortina è intervenuto nei pressi delle cascate di Fanes, a circa 1.740 metri di quota, dove, all’altezza del bivio tra la strada e l’inizio del sentiero attrezzato, A.P., 54 anni, di Venezia, aveva accusato problemi a un ginocchio che gli impedivano di proseguire. Raggiunto dai soccorritori avvicinatisi in jeep, l’uomo è stato accompagnato assieme alla moglie fino al parcheggio, da dove si è allontanato con la propria auto.

Share

Comments are closed.