Monday, 24 September 2018 - 23:08

Abbassamento laghi bellunesi: situazione inaccettabile

Ago 17th, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Federico D'Incà, deputato Movimento 5 Stelle

Federico D’Incà, deputato Movimento 5 Stelle

I laghi bellunesi si stanno prosciugando proprio a ridosso delle festività estive più importanti per l’economia turistica. Il caldo afoso delle ultime settimane, che ha raggiunto anche le zone più fresche del bellunese, ha portato numerosi visitatori a frequentare le zone lacustri con annesse attività sportive e ludiche.

Federico D’Incà, deputato del MoVimento 5 Stelle, sta predisponendo un’interrogazione parlamentare per porre al centro della politica veneta la situazione dei laghi bellunesi per capire se dietro all’abbassamento dei laghi vi sono solo esigenze dei coltivatori della pianure o interessi di altri soggetti.

L’abbassamento dei laghi, in particolar modo di quello del Centro Cadore che in questa stagione sta vivendo un rilancio importante grazie alla concessione della balneabilità e al lavoro del Club nautico Centro Cadore, nuoce gravemente all’immagine della zona non solo per l’estetica ma anche perché con l’abbassamento del livello i responsabili del noleggio trovano al mattino pedalò, canoe e barche in secca. l livello dell’acqua infatti cala mediamente di 30 centimetri al giorno

“Una situazione non accettabile dal punto di vista turistico dove la presenza dell’acqua nei bacini lacustri artificiali è un punto fondamentale per non perdere l’attrazione e ma la stessa praticabilità delle attività – ribadisce D’Incà. La siccità e la crisi idrica in pianura è normale in questo periodo ma è necessario tutelare entrambe le realtà e soprattutto capire le motivazioni che stanno dietro a questi abbassamenti repentini e dannosi per i laghi bellunesi”

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Bravo come sempre; peccato che il suo partito imponga il dogma anti Provincia perchè servirebbe un ente autorevole per rappresentare gli interessi bellunesi contro gli sprechi e cattive gestioni idriche venete.