Wednesday, 12 December 2018 - 16:45

Coppa del mondo di paracadutismo a Belluno: Slovenia leader dopo 5 serie

Ago 8th, 2015 | By | Category: Eventi, sport, tempo libero, Riflettore

In una giornata nella quale c’è stata una lunga interruzione a causa della pioggia, l’Italia perde il comando ma i giochi per la vittoria sono apertissimi. A livello individuale in testa il pluri iridato Giuseppe Tresoldi e la rumena Steliana Popa. Domani, Domenica 9 agosto la giornata conclusiva.

Corrado Marchet

Corrado Marchet

Al termine della secondo giornata, la Slovenia strappa all’Italia la leadership del “Trofeo Città di Belluno”, competizione proposta dall’Associazione paracadutismo Belluno in sinergia con l’Aeroclub Belluno e valida quale quarto appuntamento della Coppa del Mondo di lanci di precisione. Dopo le tre prove di venerdì 7 agosto, sabato 8 sono state completate altre due prove, per un totale di cinque. È stata una giornata difficile perché la pioggia ha costretto l’organizzazione a sospendere i lanci per circa tre ore durante il pomeriggio.

In serata, Slovenia davanti a tutti con il quintetto composto da Karun Roman, Peter Balta, Senad Salkic, Borut Erjavec e Matej Becan. 28 le penalità per gli sloveni. Appena una in più (29) quella del quintetto azzurro composto da Francesco Gullotti, Fabio Filippini, Corrado Marchet, Paolo Filippini e Luigi Conga. Sul terzo gradino del podio provvisorio ci sono poi, con 35 penalità, i ragazzi del Military Team della Repubblica Ceca.

A livello individuale, al termine della seconda giornata sono in tre a guidare, con zero penalità: l’azzurro Giuseppe Tresoldi, lo svizzero Geroges Toth e Abdullah Al Maqbali, dell’Oman.

A livello femminile comanda invece la rumena Steliana Popa sulla croata Ina Zuza e sull’austriaca Cheryl Stearns.
Tra i Master, prima posizione per Tresoldi e secondo posto per il croato Gernot Alic e il bellunese Corrado Marchet, atleta di eccellenza ma anche coordinatore dell’organizzazione del Trofeo Città di Belluno. La graduatoria Juniores, infine, vede al comando Suhail Ainaqbi, di Dubai.

«E’ stata una giornata stupenda perché le condizioni meteo ci hanno costretto a interpretare la gara in maniera differente a seconda dei momenti» – afferma Giuseppe Tresoldi, nel cui bacheca figurano, tra le altre cose, 5 titoli italiani individuali, 4 titoli di campione del mondo nella precisione in atterraggio a squadre (2 militari e 2 assoluti), 4 argenti iridati nella precisione in atterraggio a squadre (2 militari e 2 assoluti).
«Prima il caldo, poi le nuvole e l’umidità, poi ancora le temperature che si sono abbassate e che hanno fatto aumentare la velocità di discesa» dice ancora Tresoldi. «Un mix di condizioni che ha reso tutto più incerto. Incertissima è anche la lotta per la vittoria: a questo punto direi che Italia, Slovenia e Repubblica Ceca sono le tra candidate al successo ma, si sa, fino all’ultimo lancio tutto può succedere».

Per il dettaglio delle graduatorie: www.parawcs.com/belluno.

Share

Comments are closed.