Monday, 17 December 2018 - 06:52

Ultimissime del venerdì dal Soccorso alpino: 21enne in difficoltà sulla Cengia del Banco. Ancora nessuna traccia dell’escursionista in Val Gares

Ago 7th, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

soccorsoESCURSIONISTA IN DIFFICOLTÀ SULLA CENGIA DEL BANCO

San Vito di Cadore (BL), 07-08-15 Alle 18.20 il 118 ha allertato il Soccorso alpino di San Vito di Cadore per un escursionista che si era incrodato non distante dal sentiero che dalla Cengia del Banco scende a Dogana Vecchia. Dieci soccorritori, considerando un paio di ore di avvicinamento rispetto alle informazioni date da N.S., 21 anni, di Treviso, hanno iniziato a risalire il sentiero. Quando le squadre erano a circa 1.800 metri di quota, la centrale operativa ha ricevuto dal giovane le coordinate Gps del punto in cui si trovava ed in realtà era da tutt’altra parte, a 2.200 metri d’altitudine. Visto l’approssimarsi del buio e di un temporale, è decollato l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore che ha individuato il ragazzo, lo ha imbarcato con un verricello e trasportato a valle, mentre i soccorritori rientravano a piedi.

VAL DI GARES: ANCORA NESSUNA TRACCIA DELL’ESCURSIONISTA VICENTINO

Canale d’Agordo (BL), 07-08-15 Malgrado l’imponente ricerca appena sospesa, ancora nessuna notizia è emersa in merito alle sorti dell’escursionista vicentino, partito ieri mattina alle 8 da Capanna Cima Comelle per una camminata in Val di Gares, dall’Orrido delle Comelle, Banca delle Fede, Malga Stia da dove sarebbe dovuto rientrare. Un itinerario lasciato perfettamente descritto alla moglie, che lo ha atteso invano, prima di lanciare l’allarme ieri, passate le 17, e far partire le prime squadre in perlustrazione, trasportate in quota dall’elicottero del Suem di Pieve di Cadore, dopo aver inutilmente sorvolato la zona. Stamane alle 6, una sessantina di persone si sono ritrovate per proseguire la ricerca, imbarcate con l’attrezzatura sui diversi elicotteri presenti e sbarcate in differenti punti. L’elicottero del Comando 15° stormo dell’aeronautica militare di stanza a Cervia, l’NH 500 della Sezione aerea di Bolzano della Guardia di finanza, quello del Suem di Pieve di Cadore e dei vigili del fuoco, hanno effettuato ricognizioni senza purtroppo far luce sulla scomparsa dell’uomo, L.B., 55 anni, di Rosà (VI). Le squadre hanno setacciato a pettine l’itinerario che l’uomo era intenzionato a seguire, ripercorrendolo più volte e concentrandosi in luoghi ritenuti di primaria importanza. A nulla è valso pure tentare di risalire all’ultima cella telefonica allacciata. Rientrati gli ultimi soccorritori, se nulla di nuovo dovesse emergere, le ricerche riprenderanno domattina alle 6.30. Oggi erano presenti le Stazioni del Soccorso alpino di Val Biois, Agordo e Alleghe con un’unità cinofila, il Sagf di Cortina d’Ampezzo, Auronzo di Cadore e Passo Rolle con due unità cinofile, il Corpo forestale dello Stato, i vigili del fuoco permanenti e volontari di Canale d’Agordo, Agordo e Gosaldo.

Share

Comments are closed.