Sunday, 23 September 2018 - 06:19

Anche oggi diversi interventi in montagna del Soccorso alpino

Ago 6th, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

soccorso suem 118 1Belluno, 06-08-15 Verso mezzogiorno e mezza, il 118 ha allertato i soccorritori di Feltre, facendo partire anche il Centro mobile di coordinamento del Soccorso alpino e le unità cinofile, su richiesta della figlia di un anziano di Santa Giustina, uscito dalla propria abitazione in località Formegan alle 9.30, senza farvi più ritorno. Fortunatamente poco dopo l’uomo è stato rintracciato e l’allarme è rientrato.

Il Soccorso alpino di Auronzo ha invece raggiunto in jeep il Rifugio Lavaredo, dove una donna aveva riportato un trauma al volto. Accompagnata fino al Rifugio Auronzo, l’escursionista è stata affidata all’ambulanza diretta all’ospedale.

Il Soccorso alpino delle Prealpi Trevigiane e dell’Alpago è invece intervenuto nella zona di Crosetta del Cansiglio, nel comune di Fregona (TV), poiché M.B., 49 anni, di Treviso, si era smarrito lungo il sentiero 982 verso il Pizzoc. L’escursionista, ricevute indicazioni telefoniche, è poi riuscito a ritrovare l’itinerario e a ritornare alla propria auto.

Nel primo pomeriggio, infine, una turista romana, G.S., 69 anni, di Morlupo, si è procurata la sospetta frattura della caviglia, mentre percorreva il sentiero numero 401, a circa una ventina di minuti dal Rifugio Lagazuoi, a Cortina d’Ampezzo. Imbarcata sull’elicottero del Suem di Pieve di Cadore, l’infortunata è stata trasportata al Codivilla.

Poco prima delle 10, l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore è stato inviato dal 118 sulla Tofana di Rozes, in seguito alla chiamata di un alpinista infortunatosi nella scalata della Via Eotvos-Dimai. Durante il sorvolo della parete l’equipaggio ha però scoperto che in realtà il rocciatore e la compagna di cordata avevano salito la Via della Julia, a destra rispetto a quella ipotizzata dai due, e, sbagliato itinerario, si erano infilati in un canale sotto uno strapiombo, impossibile da raggiungere dall’elicottero, dove era avvenuto l’incidente. Dopo essere stato verricellato in un punto accessibile e parallelo agli scalatori, bloccati 350 metri circa sopra l’attacco della via, il tecnico di elisoccorso si è avvicinato alla coppia attrezzando il traverso, per poi riportare entrambi gli alpinisti nel punto in cui l’eliambulanza ha potuti avvicinarsi e recuperarli con un verricello di 15 metri. L’infortunato, D.J., 45 anni, residente a Barcellona, è stato accompagnato all’ospedale di Cortina per la sospetta frattura di una caviglia.

Share

Comments are closed.