Wednesday, 19 September 2018 - 07:33

La riforma Pra – Motorizzazione è legge: archivio unico e documento unico per i veicoli. Entro 18 mesi i decreti attuativi

Ago 4th, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina, Società, Istituzioni

carta circolazioneIl Senato ha approvato questa mattina la riforma della pubblica amministrazione che diventa quindi legge. Tra le varie norme c’è anche quella che prevede la creazione di un unico archivio dei veicoli, con l’emissione di un unico documento per la circolazione che preveda sia i dati tecnici oggi contenuti nella carta di circolazione (archivio Motorizzazione) che i dati giuridici, come ipoteche ecc. riportati dal certificato di proprietà (archivio Pubblico registro automobilistico).

Perché questo unico libretto di circolazione veda la luce, tuttavia, occorrerà attendere ancora un po’, perché la riforma prevede che entro 18 mesi sia il governo ad emanare uno o più decreti legislativi di attuazione.

Il tutto, in base all’art.1 della nuova legge, imperniato sulla riduzione dei costi, per “realizzare significativi risparmi di spesa per l’utenza”. Oggi, oltre alle altre imposte (Imposta provinciale di trascrizione proporzionale ai Kilowatt di potenza del motore e imposte di bollo varie) si pagano 27 euro di emolumenti Pra e 28.56 euro alla Motorizzazione per aggiornare la proprietà nei due archivi. La riforma dovrebbe cancellare uno dei due costi di aggiornamento degli archivi per lasciarne soltanto uno.

I due enti pubblici, quindi, Pubblico registro automobilistico, gestito dall’Automobile Club d’Italia (ente parastatale) e Motorizzazione civile che fa capo al ministero delle Infrastrutture e Trasporti, dovranno – così recita la norma –  rendere possibile “il collegamento e l’interoperabilità dei dati detenuti dalle diverse strutture, riorganizzando, anche mediante eventuale accorpamento, le funzioni svolte dagli uffici del Pubblico registro automobilistico e dalla Direzione generale per la motorizzazione del Ministero”.

In ogni caso, tutto è delegato ai successivi decreti del governo.

 

Share

Comments are closed.