Tuesday, 21 November 2017 - 23:20

Emergenza profughi in Veneto. Piccoli: “Alfano latita. I sindaci non vanno lasciati soli”

Lug 17th, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Giovanni Piccoli, senatore Forza Italia

Giovanni Piccoli, senatore Forza Italia

“Chi in queste ore, soprattutto a livello nazionale, parla di “razzismo” riferendosi al caso di Quinto dimostra di non conoscere il Veneto e i veneti. I continui arrivi di profughi non solo mettono a repentaglio la sicurezza dei nostri cittadini ma lo stesso alto livello di integrazione raggiunto nella nostra Regione. Anch’io mi unisco all’appello trasversale per avere il ministro Alfano in Veneto”.

A dirlo è il senatore di Forza Italia Giovanni Piccoli che così interviene a poche ore dall’annuncio della Prefettura di Treviso secondo cui entro sera i profughi arrivati a Quinto saranno condotti in una caserma tra Casier e Treviso.

“Il disagio è trasversale e palpabile e non si risolve né con la demagogia né con il perbenismo. Io sto dalla parte di quei sindaci che sono stati abbandonati sul fronte da un Governo che sul tema immigrazione ha dimostrato una carenza assoluta”.

“Per questo mi unisco all’appello di chi vuole Alfano in Veneto: venga a dire come stanno realmente le cose e a riconfermare le quote fissate nelle settimane scorse a livello ministeriale. I patti vanno rispettati, e questo vale soprattutto tra Istituzioni”.

“Alfano venga in Veneto, vada nelle prefetture, ma vada anche a Eraclea Mare e in tutte quelle zone dove si tocca quotidianamente il disagio degli abitanti: troppo comodo scaricare sugli enti locali i costi – economici e sociali – di una emergenza gestita in modo scandaloso”, prosegue Piccoli che sul caso specifico di Eraclea ricorda di aver depositato un’interrogazione urgente al Viminale accanto ai rappresentanti veneti di Forza Italia.

“Anche qui Alfano deve rispondere con fatti concreti. Operatori e cittadini sono esasperati”, conclude Piccoli.

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Ma si deve per forza pubblicare sempre queste notizie.. ripetitive?

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.