Wednesday, 22 November 2017 - 16:40

Il Cammino del centenario sui luoghi della Memoria della Grande Guerra. Partito da Asiago il Cammino per commemorare i caduti arriva in provincia di Belluno

Lug 13th, 2015 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Natura, ambiente, animali, Prima Pagina, Società, Istituzioni

caiIl Cai Veneto e l’Associazione Nazionale degli Alpini hanno organizzato una rivisitazione dei luoghi della Grande Guerra con lo scopo di onorare le innumerevoli “penne mozze” che hanno perso la vita in luoghi che sono stati testimoni e nello stesso tempo protagonisti degli eventi. E’ stato così definito “Il Cammino del Centenario” che ha ricevuto il patrocinio e il contributo della Regione Veneto ed è iniziato sabato 4 luglio con deposizione della corona nel Sacrario Militare di Asiago, che accoglie 54.286 caduti, alla presenza delle autorità locali dell’Altopiano e del Presidente del CAI Veneto Francesco Carrer.

Domenica i partecipanti sono saliti sull’Ortigara dove davanti al Cippo austriaco prima e a quello italiano poi hanno deposto corone ed il coro del CAI di Belluno ha eseguito brani del repertorio italiano e tedesco. La presenza del Presidente del CAI Umberto Martini durante le cerimonie testimonia l’importanza di questo cammino che in settimana prosegue nelle montagne della provincia di Belluno.

I luoghi visitati appartengono prevalentemente alle opere di guerra della Linea gialla, fortificazioni realizzate allo scopo di difesa e alcune poco utilizzate.

Dopo la visita del Passo Finestra, lunedì 13, i partecipanti saliranno mercoledì 15 alla Sella del Col dei Ciòt sul Monte Celo lungo la strada militare per concludere con una cerimonia commemorativa presso La Valle Agordina; la salita con i più giovani avverrà giovedì 16 allo Spiz Zuèl, mentre l’esplorazione del Crep del Fen e delle gallerie delle Crepe sotto Pioda si effettuerà venerdì 17.

La Cerimonia conclusiva con partecipazione anche del reparto Salmerie dei muli della sezione Ana di Vittorio Veneto avverrà domenica 19 luglio dopo la visita delle opere militari del Sas del Musc e del Colifon sotto la guida di Livio Defrancesco, presidente dell’associazione “Sul fronte dei ricordi”, da parte di un gruppo mentre un secondo valicherà il Passo di forca Rossa per scendere grazie alla strada militare della Valle di Franzedàs a Malga Ciapela dove i gruppi saranno ospiti delle penne nere.

I responsabili organizzatori dell’iniziativa sono, a metà dell’opera, molto soddisfatti vista la partecipazione nutrita di gruppi appartenenti a sezioni Cai del Veneto, del Friuli Venezia Giulia dell’Emilia Romagna e della Lombardia affiancati dall’entusiasmo dei gruppi Ana locali.

Chi desidera informazioni per partecipare può consultare il link (http://www.caiveneto.it/grandeguerra/cammino-del-centenario.html#) nel sito del Cai Veneto.

Daniela Mangiola

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.