Saturday, 24 August 2019 - 11:46
direttore responsabile Roberto De Nart

Il gioco duro del Movimento 5 Stelle. Berti: “Siamo pronti a fare un Vietnam di quest’aula. Chiediamo solo che vengano rispettate le regole”

Giu 29th, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Jacopo Berti

Jacopo Berti

Il Movimento 5 Stelle porta i cittadini nel consiglio regionale veneto e ora il gioco si fa duro per una politica abituata a giocare solo secondo le regole della casta e del Palazzo. Parola di Jacopo Berti, capogruppo in pectore del Movimento 5 Stelle nel consiglio regionale veneto, che stamani ha parlato per la prima volta nell’aula consiliare di Palazzo Ferro Fini: “Zaia ha parlato della vicinanza della politica nei confronti dei cittadini – dice Berti – bene, i cittadini siamo noi e ora siamo qui. Sta a loro decidere se vogliono una mano tesa, le barricate o un Vietnam. Ma già il primo giorno abbiamo trovato atteggiamenti e situazioni che sapevamo di poter trovare, come la nomina a segretario di un consigliere regionale che era impegnato in una crociera”.

“Siamo pronti a fare un Vietnam di quest’aula – ribadisce il consigliere del Movimento – ma quando ci sarà da portare avanti le esigenze dei cittadini allora saremo pronti a discutere, vogliamo essere una forza di controllo e di proposta”.

Durante il discorso Berti ha rilanciato i temi portanti del programma del Movimento, dall’anticorruzione al reddito di cittadinanza, passando per il taglio dei costi della politica.

“Ma attezione – avverte il capogruppo – se ci troveremo di fronte a sorprese ci barricheremo, non molleremo un centimetro. Saremo duri, ma leali. Mai nemici, ma avversari. Sapremo duellare o creare accordi, ma non scenderemo mai a compromessi. Chiediamo solo che vengano rispettate le regole”.

“Fino a tre mesi fa non eravamo nessuno – conclude Berti – e ora siamo qui. Per questo motivo non abbiamo paura di morire politicamente, se questo sarà necessario”.

Share

3 comments
Leave a comment »

  1. I cittadini siamo noi ? ah, siamo di nuovo al “le parti sociali siamo noi” (LOL).
    Avete avuto il voto di meno del 10% dei votanti ovvero poco più del 5% degli aventi diritto e volete fare un Vietnam? Andate a Gardaland.

  2. Paolo Perin dal alto della sua saccenza critica poveretto altro non è in grado di fare.

  3. @mellere: a te probabilmente a gardaland fanno anche lo sconto 😀