13.9 C
Belluno
mercoledì, Giugno 3, 2020
Home Cronaca/Politica Il gioco duro del Movimento 5 Stelle. Berti: "Siamo pronti a fare...

Il gioco duro del Movimento 5 Stelle. Berti: “Siamo pronti a fare un Vietnam di quest’aula. Chiediamo solo che vengano rispettate le regole”

Jacopo Berti
Jacopo Berti

Il Movimento 5 Stelle porta i cittadini nel consiglio regionale veneto e ora il gioco si fa duro per una politica abituata a giocare solo secondo le regole della casta e del Palazzo. Parola di Jacopo Berti, capogruppo in pectore del Movimento 5 Stelle nel consiglio regionale veneto, che stamani ha parlato per la prima volta nell’aula consiliare di Palazzo Ferro Fini: “Zaia ha parlato della vicinanza della politica nei confronti dei cittadini – dice Berti – bene, i cittadini siamo noi e ora siamo qui. Sta a loro decidere se vogliono una mano tesa, le barricate o un Vietnam. Ma già il primo giorno abbiamo trovato atteggiamenti e situazioni che sapevamo di poter trovare, come la nomina a segretario di un consigliere regionale che era impegnato in una crociera”.

“Siamo pronti a fare un Vietnam di quest’aula – ribadisce il consigliere del Movimento – ma quando ci sarà da portare avanti le esigenze dei cittadini allora saremo pronti a discutere, vogliamo essere una forza di controllo e di proposta”.

Durante il discorso Berti ha rilanciato i temi portanti del programma del Movimento, dall’anticorruzione al reddito di cittadinanza, passando per il taglio dei costi della politica.

“Ma attezione – avverte il capogruppo – se ci troveremo di fronte a sorprese ci barricheremo, non molleremo un centimetro. Saremo duri, ma leali. Mai nemici, ma avversari. Sapremo duellare o creare accordi, ma non scenderemo mai a compromessi. Chiediamo solo che vengano rispettate le regole”.

“Fino a tre mesi fa non eravamo nessuno – conclude Berti – e ora siamo qui. Per questo motivo non abbiamo paura di morire politicamente, se questo sarà necessario”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Alto Adige – Austria, confini “modificati” dagli schuetzen. De Carlo: “Non si spostano i confini della patria, traslochino loro oltre il Brennero. Gravissima offesa...

Gli schuetzen “spostano a sud” i confini tra Alto Adige e Austria nella giornata della Festa della Repubblica: “Un'offesa gravissima proprio in occasione di...

Probabile crisi allergica, soccorsa una ragazza. Altri due interventi in montagna

Domegge di Cadore (BL), 02 - 06 - 20   Alle 13.20 circa il Soccorso alpino del Centro Cadore è stato allertato dalla Centrale del...

Feltre aderisce all’invito della Prefettura per la manifestazione in forma ridotta del 2 giugno

Facendo proprio l'invito della Prefettura di Belluno riguardo alle misure prudenziali di contenimento dell'epidemia in corso, l'Amministrazione comunale di Feltre ha deciso che quest'anno...

In piazza dei Martiri si celebra la Festa della Repubblica. In stazione va in scena la brodaglia in salsa leghista

Stop sanatoria clandestini, aiuti per commercianti artigiani partite Iva, studenti paritarie invisibili, studenti universitari invisibili, pace fiscale e stop cartelle, flat tax e fiducia...
Share