Saturday, 24 August 2019 - 09:57
direttore responsabile Roberto De Nart

Consiglio regionale del Veneto: contrordine della Corte d’Appello! Esce Roccon entra Gidoni

Giu 19th, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore
Palazzo Ferro-Fini sede del Consiglio regionale

Palazzo Ferro-Fini sede del Consiglio regionale

C’è un’altra novità nella determinazione degli eletti nel Consiglio regionale del Veneto. Oggi la Corte d’Appello ha ritenuto di avvalersi del potere di autotutela, bloccando così la proclamazione dei consiglieri eletti per il prossimo quinquennio. La decisione dei giudici sarebbe scaturita dall’annuncio di ulteriori ricorsi che nei giorni scorsi anche il Bard aveva anticipato, dopo che il nome di Alessandra Buzzo, sindaco di Santo Stefano di Cadore, era caduto ed era subentrato quello di Franco Roccon ex presidente di Bim Gsp.

Ebbene, oggi a cadere è il nome di Franco Roccon, che secondo le ultime indiscrezioni, nel ricalcolo dei voti, dovrebbe cedere il posto a Franco Gidoni, deputato della Lega Nord nella precedente legislatura.

Al momento, dunque, salvo altri colpi di scena, i due consiglieri regionali che andrebbero a rappresentare la provincia di Belluno a Venezia sarebbero Gianpaolo Bottacin e Franco Gidoni, ambedue candidati nelle liste che sostenevano il presidente Luca Zaia. E pertanto rimane scoperta in consiglio regionale la rappresentanza bellunese dell’opposizione.

Il potere di autotutela, in generale, è una facoltà delle pubbliche amministrazioni che qualora ravvisino dei possibili errori nelle loro determinazioni, senza costringere le parti ad un ricorso formale, possono intervenire con una nuova decisione.

 

Share

7 comments
Leave a comment »

  1. era meglio la buzzo

  2. Ma che è sta confusione? Il solito lavoro all’italiana!

  3. Prima sembrava che il biglietto della lotteria fosse stato trovato dalla Buzzo, poi da Roccon, ora da Gidoni.
    Ma quanti biglietti della lotteria ci saranno ancora?

  4. Mi no vae pi a votar. Via dal Veneto ADESSO!

  5. Eccezionale questa legge elettorale!
    Complimenti ai nostri politici!

  6. Veramente questi non hanno nulla da imparare dai bizantini, ma non è una vergogna che dopo 20 giorni ancora non si sappia chi ha vinto la lotteria?
    E questi dovrebbero governarci?

  7. Uh che peccato, niente Roccon… con il gatto e la volpe seduti fianco a fianco in consiglio regionale ci saremmo fatti delle matte risate.
    Applausi per questo cabaret, sempre un piacere stare qui a guardare cosa s’inventano per intrattenerci.