Saturday, 24 August 2019 - 09:49
direttore responsabile Roberto De Nart

Lettura Pensata 2015. Ieri all’ Iti Segato le premiazioni: “Leggere come gesto rivoluzionario”

Giu 5th, 2015 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Cronaca/Politica, Prima Pagina, Scuola

Con l’invito a leggere per crescere e a non rinunciare all’immaginazione stimolata dalla lettura, si è conclusa ieri con le premiazioni all’Iti Segato a Belluno la dodicesima edizione del progetto provinciale dedicato alle scuole “Lettura Pensata”. Ventimila studenti coinvolti in 12 anni, queste le cifre della manifestazione organizzata dall’Ufficio scolastico territoriale che nonostante i tagli progressivi e lo scarso interesse da parte dell’amministrazione locale rappresenta ancora un valido antidoto alla civiltà dell’immagine preconfezionata e un’eccellenza, l’unica dopo lo smantellamento alcuni anni fa di Provincia Spettacolo, dell’integrazione dell’offerta formativa per gli studenti bellunesi. “Leggere oggi è un gesto rivoluzionario e quasi necessario”, ha detto la responsabile del progetto, l’insegnante Mara De Monte, da un paio di edizioni a capo dell’iniziativa alla quale collaborano puntualmente da anni Silvia Peterle e Daniela Emmi insieme a qualche nuovo rinforzo. Sono stati 243 gli alunni premiati grazie ai soliti, pochi e irriducibili sponsor a cui si affianca la collaborazione delle librerie Campedel di Belluno, Agorà e Pilotto di Feltre e Filland di Domegge di Cadore. Quest’anno sono state 34 le scuole coinvolte, dalla primaria alla secondaria di secondo grdo. Cinque i percorsi narrativi proposti ai ragazzi. “La profezia dei draghi Viverna” (classi quarte scuola primaria), dal libro illustrato di Paolo Zambelli e Alessia Saracini. Premiati: 3.Premio alla scuola primaria di Mussoi; 2.Premio ex aequo scuole primarie di Mussoi e Castellavazzo. Tra i finalisti anche la scuola primaria di Limana. “Giovani leggende delle dolomiti”, classi quinte primaria e secondaria di primo grado ( lavoro sia di gruppo che individuale). Terzo premio individuale a Giada Praloran (scuola secondaria di primo grado di Auronzo), secondo e primo premio a due gruppi: primaria di Mussoi e secondaria di primo grado di Sospirolo. Tra i finalisti ancora Mussoi, Canossiano di Feltre, scuola primaria di Arsiè e secondaria di Santa Giustina. “Il partigiano di Piazza dei Martiri” (libro di Enzo Barnabà) ha ispirato il racconto fotografico degli studenti della scuola secondaria di secondo grado “Follador” di Agordo: Genuin, Pescosta e De Tos. Per il percorso: “Cosa ti manca per essere felice” (dal libro di Simona Atzori) premiati Sara Darman e Giada Pioggia Todoerto sempre del “Follador”. Premi anche per il percorso “Bambini molto antichi” riguardante la mitologia spiegata ai agli alunni delle secondarie di primo grado. Molte adesioni ha riguardato il percorso individuale per le scuole secondarie di primo grado: “Una bottiglia nel mare di Gaza”, la storia d’amore tra una ragazza israeliana e un ragazzo palestinese. Collaborazioni anche quest’anno con l’Isbrec, l’Anpi e il Parco delle Dolomiti bellunesi. Nell’atrio del “Segato” sono esposti gli elaborati delle classi prime della primaria: “La principessa e il drago” e delle classi terze “Malastrega”. Tutti i lavori e i nomi dei premiati sono visibili sul sito dell’Ufficio scolastico territoriale.

Share

Comments are closed.