Saturday, 24 August 2019 - 09:53
direttore responsabile Roberto De Nart

L’ex scuola di Spert a Farra d’Alpago diventerà presto un centro polifunzionale

Giu 2nd, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Lavoro, Economia, Turismo, Prima Pagina

L'ex scuola elementare e media di Spert leggeraE’stato approvato il progetto definitivo per l’ex scuola elementare di Spert che presto diventerà una struttura polifunzionale. Struttura che potrà ospitare attività didattiche e di studio (orientate soprattutto alla gestione agricolo-forestale e legate alla difesa del suolo), ma anche attività di supporto al turismo, oltre ai dormitori. Un simile intervento, infatti, permetterà di creare le condizioni ideali per attirare sul comprensorio manifestazioni sportive di carattere nazionale e internazionale, da affiancare a eventi magari minori, ma altrettanto importanti. E che già vengono organizzati nella zona. Ora che il primo stralcio funzionale all’intervento di recupero ha avuto il via libera dalla giunta di Farra d’Alpago, si apre una nuova fase. Il fabbricato, è bene puntualizzarlo, si trova alle porte della foresta del Cansiglio e, fino al 2007, era il punto di riferimento per tutti gli alunni dell’altopiano: poi, in seguito all’apertura del nuovo plesso di Tambre, la struttura è stata in parte abbandonata e viene ora utilizzata solo come archivio e magazzino comunale. Ma l’edificio, costruito negli anni Settanta, è ancora in ottime condizioni e, come è noto, solo utilizzandolo nella sua interezza è possibile porre un freno al suo naturale degrado. Da qui, la scelta di dare il via all’operazione di restyling, alimentata da un contributo della giunta regionale di 120mila euro, a fronte di una spesa complessiva di circa 170mila euro. L’idea nasce dal tavolo di lavoro sul Cansiglio, istituito dalla Regione Veneto e capace di coinvolgere i sindaci dei Comuni di Tambre, Farra d’Alpago e Fregona (in provincia di Treviso): in seguito alle riunioni tra i vari rappresentanti degli enti coinvolti, è emersa la necessità di puntare sull’incremento del turismo naturalistico-sportivo, così da ampliare un’offerta che, in quest’ambito, è ancora piuttosto scarna, in rapporto al notevole potenziale dell’area. In tal senso, il rilancio dell’ex scuola di Spert potrebbe fungere da grimaldello e aprire nuove e interessanti prospettive. (MDI)

Share

Comments are closed.