Sunday, 18 August 2019 - 21:05
direttore responsabile Roberto De Nart

Incentivi per il settore dell’occhialeria e del freddo. Toscani sul punto del programma di Flavio Tosi Presidente: “Istituzione di zone franche per le attività del nostro territorio”

Mag 26th, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Matteo ToscaniA pochi giorni dalla scadenza elettorale, il capolista bellunese per Tosi Presidente torna sul programma per i prossimi cinque anni: «Tosi ha voluto che le proposte arrivassero direttamente dal territorio, dimostrando quella sensibilità e quell’attenzione che è mancata in questi ultimi cinque anni da parte del Governatore uscente».

Raccontando il programma della Lista Tosi, Matteo Toscani si sofferma sul punto che riguarda lo sviluppo dei poli di ricerca che maggiormente interessano il Bellunese e le attività economiche che vi sono insediate: «Oltre al settore del turismo, da sempre uno dei motori trainanti del territorio, non dobbiamo dimenticare che le nostre zone sono cuori pulsanti per produzioni e mercati internazionali nel settore del freddo e dell’occhialeria».
«E’ per questa ragione che ho chiesto al candidato presidente Flavio Tosi di inserire nel nostro programma forti incentivi per la Ricerca e Sviluppo di questi due settori – dice Toscani – . Quello del freddo, in particolare, per i territori di Lentiai, Mel, Limana e Trichiana. Non da meno, l’occhialeria deve poter trovare risorse per i paesi maggiormente interessati come sono quelli del Cadore, dell’Agordino, di Sedico ed anche Longarone».
In generale, poi, già era stata dichiarata, proprio da Flavio Tosi nel confronto fra candidati al Teatro Comunale di Belluno, ndr.) l’intenzione di istituire per il Bellunese le “zone franche” così da attrarre nuovi investimenti sul territorio e permettere al tessuto economico locale di ottenere sgravi ad hoc per le proprie imprese.

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Ottima proposta, peccato che non vi sia traccia ne abbiate speso una parola per la salvaguardia di un ente importantissimo per le aziende locali come lo e’ la Camera di Commercio di Belluno.

    Come mai? Can no morde can ?