9 C
Belluno
mercoledì, 26 Febbraio, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Venerdì al Centro Giovanni 23mo tavola rotonda con i big dell'industria bellunese

Venerdì al Centro Giovanni 23mo tavola rotonda con i big dell’industria bellunese

Il Lions Club Belluno San Martino, a conclusone del service di zona che ha coinvolto tutti i Club della provincia di Belluno, organizza un dibattito aperto alla cittadinanza dal titolo «Industria: quale futuro nella nostra provincia», che si terrà a Belluno nella Sala Muccin del Centro Giovanni XXIII venerdì 22 maggio alle 18.
lions-clubA confronto tre ‘‘big’’ dell’economia bellunese, ovvero Marco Nocivelli titolare del Gruppo Costan, Michele Aracri managing director di De Rigo Vision, Michele Faggioli titolare del gruppo Sest. E con loro il presidente di Confindustria Belluno Dolomiti Luca Barbini, moderati dal giornalista dell’Amico del Popolo Luigi Guglielmi.
Costan, Sest, De Rigo. Aziende bellunesi che da molti anni rivolgono la loro produzione al mondo intero. Nocivelli, Faggioli e Aracri racconteranno l’andamento dell’economia nei settori del freddo, della componentistica innovativa e dell’occhiale, cioè quella produzione industriale bellunese che negli anni della crisi ha saputo mantenere in pugno il timone e governare un periodo di trasformazioni generali conservando spazi di operatività e occupazione. Come vedono Aracri, Nocivelli e Faggioli la situazione della provincia, dove l’industria nei decenni passati ha saputo porre un freno all’emigrazione tanto da collocare la montana e periferica Belluno tra le province più industrializzate d’Italia? C’è futuro per l’industria in provincia di Belluno, e più in generale per l’economia della nostra terra? Quali settori hanno più possibilità, che cosa serve per metterli in condizione di dare i migliori risultati?
Carenza di infrastrutture materiali e immateriali, continuo e grave decremento demografico: sembrano questi i punti di riferimento più critici. Il Lions Club Belluno San Martino, con il suo presidente Giuliano Bond, chiamando attorno ad uno stesso tavolo di Nocivelli, Aracri e Faggioli, oltre al presidente degli Industriali Barbini cercherà di ricavare un’indicazione sulle possibilità – se ci sono – di uscire dal guado, di dare una scossa all’economia e alla società bellunesi. Oltre al confronto fra gli ospiti, ci sarà spazio per gli interventi del pubblico in sala, che potrà porre domande dirette.

Share
- Advertisment -

Popolari

Corona virus, località turistiche venete sicure. De Carlo: “Panico avvantaggia Paesi esteri. Altissimo livello dei controlli, la precauzione produce sicurezza”

Perché rinunciare a un fine settimana in spiaggia e continuare, invece, a chiudersi nei centri commerciali? Se lo chiede il deputato e segretario regionale di...

Coronavirus. Allestite 56 tende attrezzate presso 26 ospedali, 2 Belluno e 2 a Feltre

Venezia, 26 febbraio 2020  -  Presso 26 ospedali del Veneto, la Protezione Civile regionale sta completando in queste ore l’allestimento di 56 tende pneumatiche (vedi...

Corona-virus. Massaro propone all’Anci il rinvio delle scadenze fiscali: «L’allarmismo mette in ginocchio il turismo»

Belluno, 26 febbraio 2020  -  Non c'è solo l'allerta sanitaria nei pensieri del sindaco di Belluno per quanto riguarda la diffusione del Coronavirus: il...

Alla guida con patente scaduta e sotto l’effetto dell’alcol

Domenica pomeriggio alle ore 15.40 a Limana in via Roma, la Volante di turno della Questura, procedeva al controllo di un’autovettura, Fiat Panda, al...
Share