Tuesday, 20 August 2019 - 00:44
direttore responsabile Roberto De Nart

Venerdì 22 maggio a Belluno il convegno sul costruire sostenibile in montagna

Mag 20th, 2015 | By | Category: Appuntamenti, Arte, Cultura, Spettacoli, Lavoro, Economia, Turismo, Prima Pagina

fondazione architettura belluno dolomitiUn centro per la Cultura dell’Abitare e del Costruire nelle Alpi quale laboratorio territoriale per lo sviluppo della montagna.

Se ne parla il 22 maggio 2015 ad un convegno presso il Centro Giovanni XXIII di Belluno, organizzato dalla Regione del Veneto, Fondazione Architettettura Belluno Dolomiti e Ordine Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Belluno.

Il settore delle costruzioni ha un impatto molto forte sul territorio, si stima che in europa la costruzione e l’uso degli edifici utilizzi circa la metà dei materiali estratti e dell’energia prodotta ed è responsabile di circa un terzo del consumo idrico ed della produzione di rifiuti.

Il tema del costruire sostenibile in montagna intercetta tematiche legate all’efficientamento energetico dell’edificato esistente, all’utilizzo di tecniche e materiali locali compatibili con la qualità architettonica e ambientale degli edifici, ad un nuovo approccio della pianificazione urbanistica nella gestione delle questioni energetiche integrate in una visione di riduzione delle emissioni di carbonio e di utilizzo più efficiente delle risorse usate nell’edilizia

È un tema che coinvolge inevitabilmente gli operatori tecnici del settore, architetti, urbanisti, ma anche il sistema della filiera locale della produzione edilizia, la formazione e la condivisione dei saperi tradizionali e, in modo diretto, la popolazione attenta ai temi della sostenibilità e alla salvaguardia delle risorse identitarie del territorio montano.

Ciò avviene a conclusione di un ciclo di progetti nell’ambito del Programma Europeo Spazio Alpino che la Sezione Urbanistica della Regione del Veneto ha portato a compimento nel corso degli ultimi 10 anni sui temi della sostenibilità dei territori e dell’architettura alpina e che ha coinvolto in modo particolare il territorio bellunese in esperienze di cooperazione territoriale europea (soprattutto i progetti AlpHouse, AlpBC).

È proprio all’interno di questo ciclo di esperienze, condivise con le molte amministrazioni comunali bellunesi, con tecnici, operatori del settore e associazioni, che si è generata l’esigenza di capitalizzare il patrimonio di conoscenze maturate. A tale scopo si costituisce un AlpHouse Center Belluno a Belluno quale “centro permanente per la cultura dell’abitare e del costruire sulle alpi” che sarà parte di una più ampia rete di AlpHouse Center dislocati sull’intero arco alpino in Italia, Germania, Austria e Slovenia che permetterà lo sviluppo e lo scambi di conoscenze sui temi della sostenibilità nell’edilizia Alpina legati alla valorizzazione delle filiere costruttive locali e a un utilizzo equilibrato delle risorse naturali.

Il Centro AlpHouse, costituito all’interno della Fondazione Architettura Belluno Dolomiti che assumerà il ruolo di coordinatore e gestore, si configurerà come un contenitore di esperienze e saperi da condividere in forma aperta e partecipata con tutti i soggetti che vorranno partecipare al fine di alimentare nel tempo l’impegno nei confronti della cultura di montagna, divenendo incubatore di idee e proposte per il rilancio della montagna veneta e laboratorio di esperienze a sostegno di un ruolo centrale per una nuova cultura della sostenibilità.

Un centro come sentinella territoriale per la cultura alpina, un impegno importante che la Regione insieme alla Fondazione Architetti Belluno Dolomiti e Ordine Architetti di Belluno hanno oggi l’onere di fondare, con l’auspicio raccogliere l’interesse e la partecipazione di altri soggetti e istituzioni in un percorso comune per il rilancio della cultura edilizia alpina.

Share

One comment
Leave a comment »

  1. negli ultimi anni si è costruito male e con cemento piuttosto che legno. con tipologie fuori luogo e materiali scadenti. la responsabilità è anche dei progettisti