Sunday, 18 August 2019 - 21:32
direttore responsabile Roberto De Nart

Campagna elettorale regionali 2015. Ugo Rossi, presidente della provincia di Trento, a Feltre lunedì a sostegno dei candidati del Bard

Mag 15th, 2015 | By | Category: Appuntamenti, Cronaca/Politica, Prima Pagina

logo-belluno-autonoma-leggeraAnche il Presidente della Provincia autonoma di Trento, Ugo Rossi, sostiene il cammino del Bard verso l’autonomia bellunese e lo fa mettendoci la faccia: Ugo Rossi sarà infatti a Feltre per ufficializzare il suo appoggio alla candidatura alle elezioni regionali degli autonomisti e per ribadire l’importanza dell’accordo nazionale sottoscritto dal Governo per l’elettività. L’appuntamento è per lunedì 18 alle 20.30 al ristorante “Il Palio”; con Rossi, saranno presenti anche i tre candidati di Veneto Civico, Alessandra Buzzo, Danilo Marmolada e Andrea Bona.
Proprio Bona sottolinea l’importanza della visita di Rossi: “E’ un vero autonomista, che conosce i problemi della montagna e che capisce le difficoltà del nostro territorio. – spiega Bona – Pochi come lui sapranno spiegare perchè le nostre aree dolomitiche hanno bisogno di un ente provinciale forte, autonomo, rappresentativo ed elettivo. E’ la prima volta che Rossi si mette personalmente in gioco per la nostra terra: significa che possiamo giocare un ruolo importante nell’area alpina e che l’accordo governativo può dare la svolta decisiva alla nostra provincia”.

Share

4 comments
Leave a comment »

  1. Avanti come pakere verso l’autonomia ( quella del trentino) per belluno luganeghe da impienirse il cul ….

  2. Come disse Perenzin

  3. direttivo del BARD scaduto dal 12 gennaio, abilitato solo all’ordinaria amministrazione, queste persone agiscono solo a titolo personale. ATTO COSTITUTIVO del Movimento Belluno Autonoma Dolomiti Regione L’anno 2012, addì 12 gennaio sono presenti i soci fondatori i quali convengono e stipulano quanto segue:….. 10. Le cariche previste dallo statuto restano in carica per il primo mandato per un periodo di 3 anni.

  4. Il Bard attuale non rappresenta più nessuno.
    Al 09 settembre dell’anno scorso c’erano in tutto 137 rinnovi e 60 nuovi iscritti: pochini per voler rappresentare l’anima autonomista bellunese.
    Per questo ho più volte detto che il Pd ha preso un granchio imbarcando un movimento che aveva da tempo perso il contatto con la base e s’era richiuso in un circolo autoreferenziale.

    Dopo la prossima catastrofe elettorale il movimento deve presentarsi depurato di chi l’ha portato in queste condizioni e rinnovare in toto la classe dirigente. Pena l’annullamento e la perdita, questo l’aspetto peggiore, di ogni speranza autonomista per le nostre COmunità.