Sunday, 18 August 2019 - 22:03
direttore responsabile Roberto De Nart

Sandro Da Rold è il nuovo presidente della Piccola impresa. Eletto dal consiglio direttivo insieme al suo vice Davide Piol. Tra le priorità lo sviluppo del progetto che vede insieme le associazioni dell’area alpina: Tirolo, Bolzano, Trento, Udine e Belluno

Mag 11th, 2015 | By | Category: Lavoro, Economia, Turismo, Prima Pagina
Sandro Da Rold

Sandro Da Rold

Sandro Da Rold è il nuovo presidente della Piccola Impresa di Confindustria Belluno Dolomiti, eletto sostanzialmente all’unanimità dal consiglio direttivo insieme al suo vice Davide Piol, alla presenza del presidente regionale Cinzia La Rosa . Resterà in carica quattro anni ed entrerà di diritto nella giunta esecutiva presieduta da Luca Barbini e nel consiglio regionale della Piccola Industria di Confindustria Veneto. Titolare dell’omonima azienda di trasporti, Da Rold ha alle spalle una significativa esperienza associativa: reduce da quattro anni come delegato alla mobilità e al turismo nella squadra di Gian Domenico Cappellaro, in precedenza è stato anche vicepresidente della Piccola Impresa, nonché presidente della Sezione Trasporti.

«La Piccola Impresa – spiega Sandro da Rold – è una componente interna di Confindustria Belluno Dolomiti e rappresenta le aziende con meno di cinquanta dipendenti, che sono oltre l’ottanta per cento del totale e che, proprio per la loro dimensione, hanno spesso la caratteristica di essere veloci e flessibili nell’interpretare e nell’adeguarsi a uno scenario economico in continua rapida evoluzione. A livello nazionale, la Piccola Industria, soprattutto con la presidenza di Alberto Baban, che sarà presto ospite della nostra associazione, ha assunto un peso specifico notevole, non solo all’interno del mondo confindustriale».

A livello territoriale, sono due gli obiettivi principali. «Il primo – spiega Sandro Da Rold – riguarda il progetto, già avviato, che vede insieme le associazioni dell’area alpina: Tirolo, Bolzano, Trento, Udine e ovviamente Belluno. Con possibili e auspicabili aperture anche ad altre aree limitrofe. E’ già stato creato un marchio identificativo: DASI, ovvero Dolomites Area Small Industry. Lo scopo è di favorire il dialogo e possibili sinergie tra imprese che operano in contesti geografici simili, nonché di sviluppare progetti e iniziative, ad esempio nell’ambito di Euregio ed Eusalp». «Il secondo obiettivo – prosegue il neopresidente della Piccola Impresa – è relativo invece alla diffusione della cultura d’impresa, in particolare tra i giovani bellunesi. Dobbiamo agire per risolvere uno dei grandi problemi del nostro territorio: la scarsa propensione al fare impresa. Troppo spesso, infatti, i nostri ragazzi appaiono disorientati e preferiscono trovare un posto, anziché scommettere su se stessi e sull’opportunità di avviare un’attività in proprio».

 

 

Share

One comment
Leave a comment »

  1. ottime parole. buon lavoro, che ne abbiamo bisogno