Tuesday, 20 August 2019 - 00:29
direttore responsabile Roberto De Nart

Raduno Nazionale Bersaglieri: Belluno c’era

Mag 11th, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

associazione bersaglieriC’erano anche i bersaglieri della provincia di Belluno al 63° raduno nazionale di Rimini dei fanti piumati che hanno riempito le strade e le piazze della nota località romagnola, che li ha accolti con un sole meraviglioso. L’invasione dei militari di La Marmora ha colorato con i Tricolore l’intera città con la tradizionale e molto suggestiva parata sul lungomare a suon di marce bersaglieresche.
Cappelli piumati, fanfare e divise d’epoca sono partiti da piazza Malatesta per poi attraversare la città e arrivare sul lungomare per sfilare davanti alle autorità. Una festa proseguita fino alle 14, con gli stendardi di tutte le associazioni delle varie province e regioni, che si è conclusa con il passaggio del testimone tra il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, e il collega di Palermo, Leoluca Orlando, che ospiterà il prossimo raduno nazionale. Tra le 120 mila presenze, anche la Fanfara dell’Alpago con il capo fanfara Paolo Molaschi i bersaglieri di Belluno e Feltre, capitanati dai due presidenti di sezione: Paolo Lorenzini e Luigi Centa e dal presidente provinciale Alvise Peloso. L’edizione 2015 del raduno nazionale è stata dedicata al generale Diego Vicini, modenese di nascita, al 6° che fu il suo primo Reggimento e alla Città di Rimini «in occasione del centenario della Prima Guerra Mondiale, la mattina del 25 maggio 1915
fu la prima città italiana ad essere bombardata dalla flotta navale austriaca». Il generale Vicini, nel 1963, comandava l’8° reggimento Bersaglieri, che si distinse per il servizio reso durante la tragedia della diga del Vajont.

Share

Comments are closed.