9 C
Belluno
mercoledì, 26 Febbraio, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Se il servizio e i lavoratori vengono dopo il modello. Sportelli della...

Se il servizio e i lavoratori vengono dopo il modello. Sportelli della Cassa di Risparmio del Veneto chiusi a giorni alterni

piazza vittorio emanueleAl già grave il disagio all’utenza provocato dalla chiusura o dalla minacciata chiusura di uffici postali nel bellunese si aggiunge in questi giorni la chiusura a giorni alterni di alcuni sportelli della Cassa di Risparmio del Veneto in alcune zone della nostra provincia. “La cosa suscita comprensibile disagio non solo nei clienti ma anche, e questo va segnalato con forza, nei lavoratori – sottolinea Stefano Bellotto,  segretario provinciale del sindacato bancari Unisin di Belluno – Non poter prestare il proprio servizio nei modi e nei tempi ai quali la clientela è abituata, essere dirottati a fare “presenza” nelle filiali limitrofe aperte, scaricare sulle filiali che rimangono aperte il lavoro che non si riesce a fare nella propria filiale è novità alla quale non intendiamo abituarci.

Alla clientela e ai lavoratori di Cassa di Risparmio del Veneto di Belluno – prosegue Bellotto –  interessa la qualità del servizio offerto: questo ci ha sempre contraddistinto e questo intendiamo continuare ad offrire.

Da almeno tre anni tutti i colleghi con la loro buona volontà sopperiscono alla cronica mancanza di organici, che come sindacati abbiamo denunciato inascoltati.

Il tutto colpisce ancor di più se si pensa agli utili che Intesa-Sanpaolo, grazie al lavoro di tutti, è in grado di produrre anche in questi anni economicamente difficili.

Se i problemi organizzativi, l’applicazione di nuovi modelli, le maternità, le malattie , le ferie e le riunioni impediscono di avere organici in grado di offrire un servizio – conclude il sindacalista –  ebbene si apra una riflessione; ma tutti hanno ben chiaro che le assenze per maternità, le malattie, le ferie e le riunioni sono eventi prevedibilissimi: ogni organizzazione deve essere in grado di prevedere di quanto personale c’è bisogno per offrire un servizio diffuso sul territorio, se questo è ciò che si vuole continuare a fare”.

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Coronavirus. In Svizzera l’acqua santa non è più santa, eliminata per evitare i contagi. A Lugano abolita anche la stretta di mano

Il Coronavirus riesce dove forse non era riuscita neanche la peste bubbonica: via l'acqua benedetta dalle acquesantiere, l'ostia consegnata in mano e non in...

Un nuovo progetto di sensibilizzazione contro l’utilizzo della plastica

Un rinnovato invito a sensibilizzare contro l'utilizzo della plastica. È l'intento della nuova azione solidale intrapresa nell'ambito del progetto "Community change makers", promosso dal...

Coronavirus. L’assessore al Turismo istituisce il tavolo operativo per superare l’emergenza

Venezia, 25 febbraio 2020   “Ho già istituito un primo tavolo operativo per fronteggiare l’emergenza Coronavirus, che rischia di mettere in ginocchio la prima industria...

Il presidente di Unioncamere Veneto Mario Pozza scrive ai ministri

In seguito al vertice con le categorie economiche e le parti sociali, tenutosi questa mattina a Marghera (Venezia) nella sede della Protezione civile e...
Share