Sunday, 18 August 2019 - 21:18
direttore responsabile Roberto De Nart

Mondiali 2021Cortina. Andrea Bona: “Motore di sviluppo per l’intera provincia”

Mag 4th, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina, Sport, tempo libero
Andrea Bona

Andrea Bona

“I mondiali di sci alpino del 2021 a Cortina d’Ampezzo devono diventare lo strumento per rilanciare l’intera provincia”. Andrea Bona, della lista Veneto Civico, guarda alla manifestazione iridata come una delle più importanti leve per risollevare il Bellunese: “La corsa in solitaria di Cortina ci consente di guadagnare un anno sulla programmazione: in caso di due o più candidature, la Fis si sarebbe infatti espressa solo nel 2016. Ora dobbiamo tornare ad investire su turismo e infrastrutture”.
Ma niente colate di cemento, investimenti avventurosi o azzardi edilizi che potrebbero uccidere il territorio: “Il primo obbiettivo è quello di riqualificare i nostri alberghi, non solo a Cortina d’Ampezzo, ma in tutta la provincia; i nostri imprenditori – eroi per la volontà di continuare a lavorare in montagna – devono trovare appoggi a Roma e Venezia per fondi e agevolazioni. Servono anche nuove infrastrutture, mirate a migliorare la disastrosa situazione della nostra rete di collegamenti”.
Su tutte, il Treno delle Dolomiti: “Realizzare il collegamento ferroviario in grado di collegare il Feltrino, la Valbelluna, il Cadore, Cortina, con il Primiero, la Pusteria e da qui con il Tirolo consentirebbe di far arrivare tra le nostre Dolomiti migliaia di persone nelle settimane dei mondiali, ma garantirebbe anche all’intera provincia un futuro di turismo e mobilità sostenibile”, conclude il capolista di Veneto Civico.

Share

8 comments
Leave a comment »

  1. eccolo il falsone di turno che si butta sul boccone succulento dei Mondiali ! Vergogna !

  2. E un pensiero alla ferrovia ora non guasta. Ma bravo!

  3. Ottima idea il trenO DELLE dolomiti

  4. quelli che contestano le nuove idee, siano essi gli “storici” ladini (che faranno la fine del topo e di cui ci si ricorderà solo nei libri di storia) o i moderni sapientini, dimostrano di esser nati per caso nelle Dolomiti e di non centrare nulla con questo territorio!
    Ottima idea la ferrovia e l’Euregio! Avanti tutta!

    p.s. saluti al fenomeno che mi ruba spesso il nickname (vedere primo commento)

  5. Al di la delle simpatiche battute di Merovingianfranco, la verità è che la Zardini ha colpito nel segno.
    E’ questo che lo scatena.
    Quanto ai libri di storia, i Ladini resistono in montagna da millenni e da lassù lo guardano con commiserazione.

  6. oltre ad “apritegliocchi” ricordarse de cavar anca le fette de mortadella tacade davanti…

  7. Merovingianfranco sei simpatico, ma le tue risposte non reggono.

  8. Più che altro bisogna capire quali sono le nuove idee. Dai 5 Stelle, per passare al PD, non tralasciando Leghe varie, si parla di Treno delle Dolomiti, Tunnel fantasmagorici, circonvallazioni spericolate. A mio avviso invece sarà una cagata pazzesca di fantozziana memoria. E’ dal 56 che non si è fatto nulla (Stadio, Pista di Bob, Palazzo Poste, Alberghi ecc.. sono costruzioni del 56 appunto). Qualcuno mi sa spiegare come si fa a recuperare 60 anni di pura inattività in 5 anni? Ma veramente pensate che il tunnel, le strade, tanto acclamate, si riescano a fare in 5 anni? O verrà fuori, nell’emergenza, una cozzaglia di cemento non pianificata che porterà solo distruzione? Io propendo per la seconda ipotesi.