Sunday, 23 September 2018 - 11:53

Soccorso alpino: approvato il progetto di legge in 6^ Commissione. Toscani: «Un percorso non facile, per questo la soddisfazione è ancora più grande»

Feb 26th, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Matteo ToscaniLa Sesta Commissione di Palazzo Ferro-Fini ha approvato stamani il testo della Legge 425 sul Soccorso Alpino. «E’ davvero una grande soddisfazione, l’iter non è stato facile ma alla fine abbiamo portato a casa un risultato importante per la nostra realtà di montagna», ha detto il vice-presidente del Consiglio regionale del Veneto, Matteo Toscani, che è primo firmatario del documento che aggiorna e perfeziona la normativa esistente (legge 33 del 2007) per i volontari del Cnsas.
Riorganizzazione e maggiori risorse economiche. Questo alla base del progetto di legge che oggi ha visto l’approvazione in Sesta Commissione e che stabilisce un adeguato riconoscimento e la copertura finanziaria a tutti e tre gli ambiti di intervento del servizio (soccorso, prevenzione e vigilanza), potenziando le convenzioni vigenti con il servizio sanitario regionale per gli interventi di soccorso e trasporto di emergenza, e prevedendo risorse certe anche per il rinnovo attrezzature e mezzi e per le attività di protezione civile e, infine, per la formazione-prevenzione a tutela di escursionisti, turisti e sportivi. «E’ stato un lungo travaglio, ma il risultato è arrivato e per questo la soddisfazione è anche maggiore – ha spiegato il consigliere regionale – . Si tratta di un primo traguardo, ora ci sarà il passaggio per la definitiva approvazione in aula, ma mi dico ottimista».
«Le Commissioni hanno analizzato a fondo l’articolato del documento, inclusa la norma finanziaria, con l’avvallo della Direzione Sanità e della Protezione Civile regionale e siamo quindi davanti a un contributo davvero fondamentale per il servizio reso dagli uomini e le donne del Cnsas».

«E’ stata una corsa contro il tempo iniziata da giorni, una corsa ancora in atto che deve paradossalmente saper trovare il tempo ed il metodo perché tutto vada per il verso giusto, cioè nel senso dell’approvazione finale della legge – ha commentato Fabio Bristot del Cnsas – . L’auspicio, ora è che il progetto di legge possa andare definitivamente in aula con il sostegno di tutti i consiglieri. Non va dimenticato il valore del servizio reale effettuato dal Soccorso Alpino a favore del territorio e alle sue comunità, praticato in stretta sinergia con il Servizio sanitario regionale e, quindi, anche con il sistema di Protezione Civile».

Piena soddisfazione è stata espressa anche da Rodolfo Selenati, presidente del Soccorso Alpino Veneto: «Si tratta di un provvedimento che arriva al momento giusto. Abbiamo bisogno di risorse per rinnovare il nostro parco auto, nonchè per continuare a potenziare la nostra intera struttura. Ecco perché ringrazio tutti gli attori che, con i fatti e non con le chiacchiere, hanno lavorato a questo risultato, a cominciare dal consigliere Matteo Toscani. Per noi è il riconoscimento del lavoro e dell’impegno che quotidianamente i nostri uomini spendono sul territorio».
Share

Comments are closed.