Friday, 22 June 2018 - 15:01

Nuova collaborazione tra le associazioni diabetici della provincia

Feb 24th, 2015 | By | Category: Prima Pagina, Società, Istituzioni

associazione diabeticiNei giorni scorsi presso il ristorante la Cusina de Belun, si sono incontrate le due associazioni che si occupano di diabete nella provincia di Belluno. L’AGD, Associazione Giovani Diabetici Belluno-Feltre, la quale raggruppa le famiglie dei bambini/ragazzi che hanno la patologia, e l’ADB, Associazione Diabetici Bellunese, che raggruppa le persone adulte. I due rappresentanti dell’AGD hanno spiegato che la loro associazione, oltre alla zona del Feltrino, si sta attivando anche per seguire diabete giovanile su tutto il territorio provinciale. “Ci fa molto piacere aver incontrato l’associazione giovani – ha detto il presidente ADB Duilio Maggis  abbiamo potuto confrontarci su molti aspetti e stendere un piano sulle collaborazione per i nostri e i loro eventi. Gli associati di entrambi i gruppi ne trarranno benefici da queste collaborazioni.”

L’incontro è durato più di un’ora nella quale sono stati definiti alcuni concreti punti che saranno realizzati insieme nei prossimi mesi di quest’anno.

“C’è voglia di crescere e collaborare, insieme potremmo realizzare veramente belle cose per gli associati di ambedue le associazioni” commenta uno dei rappresentanti dell’AGD, Alessandro De Zorzi consigliere dell’associazione.

Questa collaborazione porterà avanti progetti per tutti e richieste congiunte alle Ulss 1 e 2. Infatti nei prossimi giorni sarà redatta una lettera che verrà presentata ai direttori generali delle due ULSS con delle proposte comuni che riguardano tutte le persone diabetiche, giovani e adulti, della provincia di Belluno.

Gli impegni concreti presi saranno la giornata mondiale del diabete, un evento ad ottobre “Diabete in festa” e qualche altra bella iniziativa.

Collaborando insieme le due associazioni rappresenteranno tutte le diverse tipologia della patologia e anche tutto il territorio provinciale. Un passo molto importante che non era mai stato fatto fino ad ora. Come si dice in questi casi: uno per tutti e tutti per uno. “Non importa che un bambino/adulto affetto dalla patologia sia di Belluno o di Feltre, l’importante è sapere che è l’individuo quello che conta” Conclude il Presidente dell’ADB.

È un punto di partenza dal quale potranno nascere importanti collaborazioni.

Share

Comments are closed.